Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Luka Doncic da record: la tripla doppia da 30+20 più “giovane” di sempre

Mavericks
©Getty

Il n°77 sloveno continua a incantare sui parquet NBA, tornato in campo più forte di prima dopo quattro mesi di sospensione. Contro i Kings ha un conto in sospeso sin dagli esordi: a Sacramento infatti hanno preferito puntare su Marvin Bagley III e lui ogni volta non perde occasione di ricordare ai californiani il clamoroso errore di valutazione

Quella scelta mancata al Draft del 2018, quando i Kings avrebbero potuto puntare su Luka Doncic e alla fine hanno preferito scegliere Marvin Bagley, la pagheranno cara molto a lungo. Almeno ogni volta che Sacramento sarà costretta ad affrontare Dallas, visto che il n°77 sloveno sembra ricordare bene chi ha deciso di farlo scivolare un po’ più in basso. Doncic infatti è stato il protagonista della vittoria all’overtime contro i Kings, abile ad approfittare dei cinque minuti in più a disposizione per mettere a referto l’ennesima gara storica della sua giovanissima carriera. Per lui sono 34 punti, 20 rimbalzi e 12 assist - una performance mai fatta registrare in passato da un giocatore di soli 21 anni e 158 giorni. Il più giovane prima di lui ad aver concluso un match NBA con almeno 30 punti, 20 rimbalzi e 10 assist era stato Oscar Robertson (non uno qualsiasi), a 23 anni e 12 giorni.

approfondimento

Dallas, il miglior attacco NBA grazie a Doncic

Mai un giocatore dei Mavericks era riuscito a raccogliere cifre del genere in una singola gara, anche perché quelli in grado di rientrare in questa particolare classifica sono davvero pochi. Il più recente è Nikola Jokic, che lo scorso 5 febbraio contro i Jazz chiude la gara con 30 punti, 21 rimbalzi e 10 assist - sintomo di come il gioco si stia lentamente adattando a campioni in grado di fare tutto sul parquet. Altrimenti gli altri in lista sono il già citato Oscar Robertson, Kareem Abdul-Jabbar, Elgin Baylor, Wilt Chamberlain, Billy Cunningham e più di recente DeMarcus Cousins. Una caratteristica comune? A parte qualche eccezione, si parla principalmente di lunghi, anche perché ci sono da mettere insieme a referto almeno 20 rimbalzi. La presenza sotto canestro di Doncic invece è impressionante e, complice un gioco che tende sempre più a svuotare le aree lasciando i lunghi sul perimetro, lo sloveno riesce spesso a dimostrarsi più fisico e reattivo del proprio avversario diretto. Uno dei tanti pregi di un giocatore diverso, speciale e soprattutto pronto da subito a incidere anche in NBA. Caratteristiche evidenti a tutti, ma non i Kings, che continueranno ancora per molto tempo a rimpiangere la loro scelta mancata.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche