Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Jamal Murray dopo i 50 punti: "George Floyd e Breonna Taylor mi hanno dato vita"

VIDEO
©Getty

Dopo aver emozionato tutti con i suoi 50 punti in gara-6 per tenere in piedi la stagione dei Denver Nuggets, Jamal Murray si è visibilmente emozionato davanti ai microfoni: "Il razzismo non è solo in America, succede ovunque. George Floyd e Breonna Taylor non sono più qui, ma mi hanno dato vita", facendo riferimento ai volti delle vittime della polizia sulle sue scarpe

Nella conference call via Zoom che precedeva gara-6, sulla sedia su cui avrebbe dovuto sedersi non c’era Jamal Murray. Al suo posto il playmaker canadese dei Denver Nuggets ha lasciato le sue nuove scarpe personalizzate con i volti di George Floyd e Breonna Taylor, due delle tante vittime della violenza della polizia che ancora cercano giustizia. Murray le ha lasciate lì per due minuti prima di toglierle e dire ai giornalisti “Se vi sono sembrati tanti, pensate a cosa deve essere stato rimanere otto minuti e 45 secondi sotto il ginocchio di un altro essere umano”, un chiaro riferimento a quanto accaduto a George Floyd a Minneapolis lo scorso maggio. 

approfondimento

Jamal Murray da leggenda: 50 punti, si va a gara-7

Jamal Murray ha poi portato il suo messaggio sociale a un livello superiore nell’intervista che ha fatto seguito alla sua incredibile partita da 50 punti in gara-6 contro gli Utah Jazz, una prestazione decisiva per tenere in piedi la stagione dei Nuggets sotto 3-2 nella serie. Murray ha firmato 21 punti nel solo ultimo quarto mandando a segno gli ultimi sette tiri tentati di cui 5 da tre punti, in un crescendo esaltante che lo ha portato davanti alle telecamere ancora molto provato. "Queste scarpe significano molto per me, sono un simbolo che mi indica di continuare a combattere" ha detto interrompendosi più volte, sopraffatto dall’emozione e dalla stanchezza. "Nella vita bisogna avere qualcosa per cui combattere, e noi l’abbiamo trovata, come NBA e come collettività di giocatori".

approfondimento

Proteste Usa per Floyd, c'è anche lo sport. FOTO

A quel punto l’intervistatore gli ha chiesto perché avesse preso a cuore le cause di Floyd e Taylor raffigurandoli anche sulle sue scarpe: “È un cosa personale perché non succede solo in America, ma accade ovunque. Non può bastare un incontro o una serie di chiamate, ci vuole resistenza — sappiamo che quello che vogliamo cambiare non succede in una notte. Ci stiamo provando da 40 anni. Ma queste scarpe mi danno forza: anche se queste persone non ci sono più, mi hanno dato vita e la forza che mi permette di continuare a combattere in questo mondo. Ed è quello che continuerò a fare”. Murray è stato poi immortalato dalle telecamere di TNT mentre si fermava per qualche secondo inginocchiato nel corridoio dell’arena prima di rientrare negli spogliatoi.

Le scarpe di Jamal Murray

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche