Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Kemba Walker fa autocritica: "Solo 9 tiri in gara-4? Inaccettabile, devo far meglio"

NBA
©Getty

Fin qui ha disputato playoff strepitosi, e Kemba Walker era reduce da una gara-3 (pur persa) conclusa con 29 punti. Nella quarta sfida contro i Raptors, però, la point guard di Brad Stevens non è andato oltre i 9 tiri presi: "Devo essere più aggressivo, non lo sono stato. Devo far di tutto per alzare l'intensità dei miei compagni"

I suoi playoff fin qui sono stati strepitosi, per lui (23 punti di media con quasi 5 assist a sera) e per la sua squadra (sei vittorie nelle prime sei gare). Ma sono bastate due sconfitte — le ultime due contro i Raptors — e un leader come Kemba Walker ha immediatamente fatto sentire la sua voce. Con duri toni di autocritica: “Devo essere più aggressivo, oggi non lo sono stato abbastanza”, ha dichiarato dopo il ko subito nella quarta gara della serie da Boston: “Se devo essere onesto è qualcosa di inaccettabile, per quanto mi riguarda. Non esiste che io mi prenda solo 9 tiri in un’intera partita: è inaccettabile”, ha ribadito il n°8 dei Celtics, che ha chiuso l’ultima gara contro i Raptors con 4/9 al tiro e solo 15 punti, la sua peggior prestazione realizzativa in questi playoff. Dei nove tiri presi, sei sono stati da tre punti, ma con un solo canestro dalla lunga distanza, in una serata disastrosa dall’arco per tutti i Celtics (7/35 con 5/22 nei tiri non contestati). “Abbiamo sbagliato tiri facili, tiri che di solito segniamo e che sappiamo di poter segnare. Dobbiamo semplicemente farlo”.

"Toronto sa come si fa a vincere, ma noi dobbiamo migliorare"

gara-3

Brown non si dà pace: "Quel tiro è una vergogna"

E i miglioramenti di Boston devono passare in primis — secondo Walker — proprio da un suo miglioramento: “Dobbiamo giocar meglio. Devo giocar meglio. Devo riuscire ad alzare l’intensità dei miei compagni, e sono certo che riuscirà a farlo. Voglio fare di tutto per metterli nelle migliori condizioni per far bene. Nessuno ha mai detto che sarebbe stata una serie facile — ha concluso l’ex point guard di Charlotte, che contro i Sixers ha vinto la prima serie di playoff della sua carriera — perché loro sono i campioni in carica, sanno cosa ci vuole per arrivare fino in fondo. Ma noi dobbiamo far meglio di così: non mi stancherò mai di ripeterlo”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche