Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, la serata magica di Duncan Robinson: triple da record e gli elogi di Butler

NBA
©Getty

"Sarà lui il motivo per cui vinceremo anche la prossima", dice il leader dei Miami Heat del suo tiratore n°55, che con il 7/13 dall'arco di gara-5 diventa il giocatore mai scelto al Draft a segnare più triple in una partita di finale NBA

Duncan Robinson ha le idee chiare quando c’è da descrivere gara-5: “Una lotta tra pesi massimi — dice — sapevamo che sarebbe stata così. È stata una battaglia, non poteva essere diversamente, perché sapevamo che loro volevano chiudere la serie stasera. Abbiamo sentito tutte le voci, è stato impossibile evitarle: sapevamo che le chance non erano a nostro favore, e così abbiamo abbracciato questo ruolo di underdog”, dice Robinson. Prima di mollare, però, una squadra allenata da Erik Spoelstra sicuramente lotta, e gli Heat hanno avuto davvero bisogno dell’ultima stilla di energia per uscire vincenti da gara-5: “Ci diciamo sempre di lasciare sul campo tutto quello che abbiamo, di non risparmiarci mai, e così è stato”. E se Jimmy Butler ha giocato quasi ogni secondo di gara-5 — 47’12” su 48 minuti — Duncan Robinson è da sempre uno di quelli che macina più chilometri, cercando di smarcarsi sui blocchi dei compagni: “Le nostre condizioni fisiche sono qualcosa di cui siamo orgogliosi, un vantaggio che sentiamo di avere in ogni serie che affrontiamo, contro qualsiasi avversario”.

leggi anche

Caruso vs. Robinson due anni fa in G League. VIDEO

Se 6 dei primi 15 giocatori per chilometri percorsi in questi playoff hanno la maglia dei Miami Heat, Robinson è già vicino ai 70 chilometri nei soli playoff 2020, 15 in queste finali.

Corre (tanto) e tira (benissimo): Robinson stabilisce un record NBA

leggi anche

Robinson on fire, i Cavs lo cercano su Google.FOTO

Uno sforzo che a inizio della serie sembrava condizionare le sue percentuali al tiro (5/20, il 25%, da tre punti dopo le prime tre gare): “Vero, nelle prime gare i tiri non mi entravano ma i miei compagni hanno continuato a incoraggiarmi, volevano che restassi aggressivo. Prima di gara-5 ci siamo detti che per vincere c’era bisogno che ognuno di noi facesse qualcosa in più di quanto fatto finora, e così è stato”. Sicuramente vale per lui, autore di 7 triple a bersaglio su 13 tentativi: “Tiri che non erano così diversi da quelli che mi sono preso dall’inizio della serie. Forse stasera sono soltanto stato un po’ più determinato a cercare il pallone e riceverlo nelle zone di campo che preferisco. Questo mi ha aiutato, così come ha aiutato vedere entrare qualche tiro: mi ha dato fiducia”. Una fiducia che ha fatto di Robinson il giocatore mai scelto al Draft con più triple a segno in una gara di finale NBA (una in più di quelle — 6 — segnate da Gary Neal in maglia Spurs nel 2013) e che gli sono valse le parole di ammirazione di Jimmy Butler: “Duncan è Duncan. Questo è quello che ci aspettiamo da lui, perché lui ha sempre grande fiducia. Duncan sarà il motivo per cui vinceremo anche la prossima”. I Lakers sono avvisati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche