Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Oladipo non ci sta: "Mai detto di voler andare via, resto ai Pacers"

MERCATO NBA
©Getty

La stella degli Indiana Pacers ha smentito le voci secondo le quali aveva chiesto ad alcuni avversari di scambiare per lui, peraltro davanti ai suoi compagni di squadra: "Non è vero, punto e basta. Amo i miei compagni e lo stato dell’Indiana, sono concentrato a guidare i Pacers al titolo"

Già da diverso tempo ormai si rincorrono le voci su un possibile addio tra gli Indiana Pacers e Victor Oladipo. Alla vigilia del suo ultimo anno di contratto con la squadra, nei giorni scorsi hanno fatto rumore le voci secondo cui lo stesso giocatore si sarebbe offerto alle squadre di alcuni suoi avversari (in particolare Knicks, Heat e Raptors), per di più davanti ad alcuni suoi compagni dei Pacers. Voci che lo stesso Oladipo ha voluto spegnere, ribadendo il suo impegno parlando direttamente con la franchigia e dichiarandolo anche pubblicamente: “So che ci sono persone che sostengono che io abbia chiesto a dei giocatori di scambiare per me. Questo semplicemente non è vero, punto è basta. Amo i miei compagni di squadra, adoro lo stato dell’Indiana [dove Oladipo ha anche frequentato il college, ndr] e sono concentrato sul guidare questa franchigia a un titolo”. 

approfondimento

Oladipo si è offerto a 3 squadre davanti ai Pacers

Parole d’amore che con ogni probabilità non basteranno per spegnere le voci che lo riguardano, anche perché è improbabile che Oladipo firmi un’estensione di contratto quest’anno. I Pacers potrebbero al massimo offrirgli 112.9 milioni di dollari in quattro anni, mentre aspettando il prossimo anno — e con una stagione migliore rispetto a quella appena conclusa, nella quale non è sembrato il giocatore da All-NBA che era diventato prima dell’infortunio — potrebbe riceverne 195.6 in cinque anni dai Pacers o 145 in quattro anni da un’altra squadra. L’obiettivo di Oladipo è quello di competere per il titolo, come ha ribadito tanto pubblicamente quanto in privato. Ma potrà davvero farlo in una squadra che non sembra attrezzata per giocarsela con le squadre più forti della Eastern Conference?