Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Green costa la partita agli Warriors, la condanna di Kerr: "Ha passato il segno"

NBA

L'ala di Golden State si fa fischiare due falli tecnici negli ultimi secondi della sfida contro Charlotte, con gli Warriors sopra di due punti a 9.3 secondi dalla fine. Terry Rozier gliela fa pagare cara: prima segna i due liberi e poi il canestro che dà il ko agli Warriors. "Un errore terribile. Non può farlo e lo sa bene"

Sembra essere tornati al post gara-4 delle finali NBA 2016. Il contatto di Draymond Green con LeBron James, la squalifica del lungo degli Warriors da parte della NBA, i Cavs (sotto 3-1) che vincono gara-5 approfittando dell’assenza di Green e tornano a credere in una rimonta che poi diventa realtà — per la prima volta nella storia delle finali NBA. Le parole di Steve Kerr — dopo il ko (sicuramente meno costoso) contro gli Hornets — assomigliano sinistramente a quelle pronunciate dall’allenatore di Golden State in quel contesto. Con Charlotte sotto di due punti a 9.3 secondi dalla fine della partita e una contesa a centrocampo voluta dagli arbitri, la palla carambola prima nelle mani di Gordon Hayward e poi in quelle di Draymond Green, lestissimo nel gettarsi addosso all’ala degli Hornets e a contendergli il possesso del pallone. Un possesso che — secondo Steve Kerr — Hayward non aveva (“Era una palla vagante”), motivo per il quale gli arbitri non avrebbero potuto assegnare il time-out richiesto (e concesso) invece a Hayward. Da qui le proteste, accesissime, di Green, che come già successo in passato non riesce a controllarsi e finisce per farsi fischiare non uno ma ben due falli tecnici. “Draymond ha passato il segno”, arriva la condanna di coach Kerr nel post-partita. “Non può fare queste cose, e lui lo sa benissimo. Ha fatto un errore terribile nel perdere il controllo, farsi fischiare due tecnici e concedere a Charlotte la chance di andare in lunetta con due liberi”. Più dell’espulsione di Green, infatti, sono i liberi derivati dai tecnici quello che permette a Charlotte di pareggiare a quota 100 e di giocarsi l’ultimo possesso (visto il time-out ottenuto da Hayward. Terry Rozier fa il resto: segna i due liberi prima e poi colpisce fuori equilibrio dall’angolo per il canestro della vittoria. “Il punto è che Green ha passato il segno — torna a dire Kerr — e come suo allenatore sta a me farglielo notare come già ho fatto in passato. Amiamo la sua passione e l’energia che porta in campo, senza le quali non saremmo la squadra che siamo, ma questo non lo autorizza a passare il segno, e questo lui lo sa”.

I compagni provano a difendere Green

leggi anche

Rozier segna sulla sirena e condanna Golden State

Di questa consapevolezza (a mente fredda) di Green arrivano conferme anche dai suoi compagni. “Appena tornati negli spogliatoi ha ammesso subito che questa sconfitta è colpa sua — ha raccontato Eric Paschall — come fa sempre in occasioni del genere, da vero leader, quale è. Sono cose che succedono, paga la sua troppa passione, l’amore che ha per la competizione”. “Sa quello che è giusto e quello che è sbagliato, è nella lega da tanto tempo”, gli fa eco Damion Lee. “Non importa se ha sbagliato: starò sempre dalla sua parte, nel bene e nel male, che io continui a giocare agli Warriors o anche da un’altra parte. Voglio sempre stare dalla parte di ‘Day Day’, lui è il mio veterano”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.