Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Kobe Bryant: Vanessa rende pubblici i nomi dei poliziotti che hanno diffuso le foto

NBA

Aveva ottenuto da un tribunale di Los Angeles l'autorizzazione a rendere pubblici i nomi dei 4 agenti colpevoli di aver condiviso foto scattate sul luogo dell'incidente a Calabasas. Ha scelto di farlo con una serie di post dal suo account Instagram, rendendo così pubbliche le loro identità agli oltre 14 milioni di suoi follower

A quasi 14 mesi dal tragico incidente di Calabasas, la morte di Kobe Bryant, della figlia Gigi e degli altri 7 passeggeri a bordo dell’elicottero è una ferita ancora aperta per la moglie del fuoriclasse dei Lakers, Vanessa Bryant. Infuriata dalla scoperta che alcuni agenti della polizia di Los Angeles avrebbero scattato — e poi fatto circolare — foto delle vittime e della scena dell’incidente, la vedova Bryant ha pubblicato sul suo account Instagram (seguito da 14.4 milioni di persone) i nomi dei quattro agenti responsabili di questo ignobile gesto. Che sia stato possibile rendere pubblica la loro identità è il risultato di una precedente causa al Los Angeles County Sheriff's and Fire departments intentata dalla stessa signora Bryant. Ottenuto l’ok dal tribunale, è arrivato il post social (anzi, una serie di post, ben 12) nel quale i nomi degli agenti sono evidenziati all’interno di un box rosso (Joey Cruz, Rafael Mejia, Michael Russell e Raul Versales). Mejia, in particolare, è accusato di aver scattato e salvato sul suo cellulare personale dalle 25 alle 100 foto (soggetto, in alcuni casi, proprio i corpi carbonizzati delle vittime) e averle poi spedite a Cruz, colpevole a sua volta di averle inoltrate a Russell, il quale addirittura le avrebbe poi mostrate al proprietario di un bar di Norwalk.

leggi anche

Vanessa Bryant, nuovi tatuaggi per Kobe e Gigi

Sia Russell che Versales sono poi accusati di aver ulteriormente mostrato le foto in questione a personale della polizia che nulla aveva a che fare con le indagini sull’incidente del 26 gennaio 2020. Sulle azioni di questi 4 agenti della polizia di Los Angeles — che nel documento pubblicato da Vanessa Bryant compaiono come “defendant”, ovvero imputati — dovrà ora pronunciarsi un tribunale.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche