Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Clippers: nella rimonta con Atlanta si è vista l'anima della squadra

l'analisi

Francesco Bonfardeci

Il talento ai Clippers non manca, quello che fin qui è sembrato mancare è qualcosa a livello di carattere, di anima. E in questo senso la vittoria dopo l'incredibile rimonta da -22 contro Atlanta potrebbe rappresentare una svolta

Forti? Sì, non ci sono dubbi. In grado di puntare al titolo? Certo! Con un roster profondo? Eccome! E le stelle? Ci sono, ci sono: Kawhi Leonard e Paul George. Allora cosa è mancato fino a oggi ai Clippers? Forse l’anima. Fin da quella sciagurata gara-7 persa con i Nuggets ai playoff dell’anno scorso. Non siamo certi di sapere di cosa si tratti, ma forse – dal punto di vista cestistico - potrebbe avere a che fare anche con il desiderio di non perdere, di non fare brutte figure. Poca, pochissima anima contro Pelicans e Mavs; molta, moltissima contro gli Hawks. Contro Atlanta i Clippers sono piombati a meno 22. Spesso, significa partita chiusa. Spesso, significa “pensiamo alla prossima”. Non questa volta. Coach Tyronn Lue a metà del terzo quarto ha tolto dal campo tutto il quintetto-base. Tutti e cinque. Gli allenatori a volte lo fanno, per dare una scossa, si dice di solito. E la partita è cambiata. I Clippers questa partita non volevano perderla. Le riserve hanno portato un po’ di anima e l’energia che servivano per rimontare, il talento per vincerla l’ha portato Kawhi Leonard. E se persino un “freddo” come Kawhi Leonard si lascia andare a un urlo liberatorio, significa che forse questa partita ha dato ai Clippers qualcosa in più di una semplice vittoria. Non basta essere semplicemente forti o più forti di qualcun altro, serve l’anima. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche