Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i nuovi Sixers sono i Thunder: è loro il "Process 2.0", e i ko sono già da record

NBA
©Getty

I Thunder lasciano fuori squadra il proprio leader (Shai Gilgeous-Alexander: può recuperare con calma dalla fascite plantare), il loro unico veterano (Al Horford) e mandano in campo 19enni di belle speranze. Per iniziare il "rebuilding", senza preoccuparsi di perdere. Anche quando i contorni assumono proporzioni da record

Il record dice 20 vinte e 32 perse, certo non positivo ma neppure disastroso ma l’impressione che — sotto la regia tutt’altro che occulta di Sam Presti — a Oklahoma City stia andando in scena una sorta di “The Process 2.0” c’è tutta. Basta guardare al quintetto messo in campo di questi giorni dai Thunder, dove a farla da padrone sono 19enni come Aleksej Pokusevski e Theo Maledon, gli ultra trentenni (c’è solo Al Horford) sono stati messi fuori roster e il resto della formazione è composto comunque da ventenni di buone speranze. Con cui nella NBA — è risaputo — non si va solitamente troppo lontano, ma questo anche in Oklahoma lo sanno bene. “Perdere e perderemo” è il solito motto delle squadre in ricostruzione — e nessuna ha imboccato questa squadra con più decisione, visti anche tutti i movimenti di mercato voluti da Presti e dal front office che hanno accumulato un bottino di 34 scelte (17 al primo giro, 17 al secondo) per i prossimi sei anni. Ma quel perdere — proprio com’era successo ai Philadelphia 76ers di Sam Hinkie — spesso assume contorni abbastanza imbarazzanti, e le ultime uscite dei Thunder lo confermano. OKC infatti è reduce da cinque sconfitte consecutive e il margine incassato in questi 5 ko (29.4 punti di media) è il peggiore mai registrato dalla stagione 1993-94, quando a far perfino peggio (31 punti di scarto medio) furono proprio i Philadelphia 76ers (ma non quelli di “The Process”, bensì quelli di Clarence Weatherspoon, Dana Barros e Shawn Bradley).

leggi anche

Horford in panchina per il resto della stagione

Con l’eccezione della sconfitta contro gli Charlotte Hornets — un onorevole -12 — i punteggi incassati contro Phoenix (140 punti subiti, -37), Portland (133 e addirittura -47), Detroit (132 e -24) e ora Cleveland (129 e -27) non depongono certo a favore della competitività della squadra allenata dal debuttante Mark Daigneault, che a dire il vero sta anche facendo a meno dal 23 marzo di Shai Gilgeous-Alexander, il giocatore di punta di questi Thunder. Che di vincere, evidentemente, si preoccupano poco. Lo sguardo è rivolto al futuro, ma il presente certo non dà motivi di particolare vanto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche