Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Andre Drummond e il soprannome che lascia LeBron James senza parole

L'ANEDDOTO
©Getty

“Il grande pinguino”: questo il nomignolo che il nuovo arrivato in casa Lakers si porta dietro, praticamente a sua insaputa. Tanto che anche LeBron James gli ha chiesto conto della sua scelta e la risposta di Drummond ha sorpreso un po’ tutti: “Non so perché mi chiamano così, dovrei forse trovare un nome più aggressivo”

Andre Drummond, giunto a Los Angeles qualche settimana fa, è l’aggiunta necessaria per i Lakers sotto canestro a livello di fisicità, rimbalzi e produttività in area. Un innesto dovuto, che i campioni NBA sono stati felici di accogliere, nonostante portasse in dote con sé anche un rivedibile soprannome che non è passato inosservato. “Il grande pinguino”. Perché? Da dove salta fuori, si sono chiesti in molti, tra cui alcuni cronisti di Los Angeles che si sono visti rispondere da Drummond: “Ascoltatemi: non ho la più pallida idea del motivo per il quale mi chiamano così. Anche LeBron è venuto da me un giorno a chiedermi conto di questa storia e gli ho risposto: “Non lo so, non so chi lo ha tirato fuori e da dove è partita questa consuetudine”. Quello che mi ricordo è che qualcuno un giorno si è rivolto a me chiamandomi “Il grande pinguino”. E non hanno più smesso. I pinguini sono uno dei miei animali preferiti, ma non riesco a immaginare un’altra ragione per la quale darmi quel nomignolo”.

vedi anche

Drummond: “Mai giocato peggio di così”

Su Twitter e più in generale via social sono partite le plausibili ricostruzioni di una vicenda che affonda le sue radici nel lungo passato e nei tanti anni trascorsi da Drummond a Detroit. Un utente ha ripescato uno scambio con Greg Monroe - compagno di squadra per diversi anni sotto canestro ai Pistons - che inizio a chiamarlo così perché Drummond all’epoca disse che “Happy Feet” (un film d’animazione con dei pinguini come protagonisti, ndr) era il suo film preferito. Altri invece tirano fuori i mitici tempi di Vines - l’applicazione che permetteva di postare brevi video e GIF su Twitter - che aveva generato e reso virale un video molto famoso e usato dopo che Drummond si era vestito da pinguino per Halloween. Ipotesi che tuttavia non sciolgono il mistero e che pongono una nuova urgenza al lungo dei Lakers: “Credo di aver bisogno di un soprannome più aggressivo”, ha sottolineato sorridendo durante l’intervista al termine della sfida vinta contro Charlotte. “Ma non mi offendo se i ragazzini vogliono continuare a chiamarmi così”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport