Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Zion Williamson: "New York? Il mio posto preferito dove giocare, tolta New Orleans"

PAROLE

Per la prima volta nella sua giovane carriera Zion Williamson ha giocato in NBA al Madison Square Garden, e nonostante il pubblico ridotto ha decisamente apprezzato l’atmosfera della "World’s Most Famous Arena": "Questo è il mio posto preferito dove giocare, al di fuori di New Orleans"

Se state leggendo queste parole e almeno una volta siete andati a New York, è improbabile che non siate stati (o almeno non abbiate visto da fuori) il Madison Square Garden. Il richiamo della “World’s Most Famous Arena” è irresistibile non solo per i tantissimi turisti che visitano la Grande Mela — almeno in epoca pre-Covid — ma anche per gli stessi protagonisti degli show in programma, e che siano atleti o artisti fa poca differenza. Lo ha percepito anche Zion Williamson, che per la prima volta nella sua giovane carriera da professionista ha giocato al Madison Square Garden contro i New York Knickse a fine gara non riusciva a smettere di sorridere ripensando all’arena, nonostante la sconfitta al supplementare dei suoi Pelicans. “Sono contento che me lo abbiate chiesto” ha detto quando è arrivata la domanda sulla sua esperienza al Garden. “New York è la Mecca del basket. Amo giocare qui, l’ho già fatto al college e questa è stata la mia prima volta tra i professionisti. L’atmosfera qui è speciale, sia che tifino per te o contro di te. Al di fuori di New Orleans, ovviamente, questo è il mio posto preferito dove giocare, non posso mentire”.

approfondimento

Dallas cade con Sacramento, i Knicks fermano Zion

Parole che certamente non passeranno inosservate in un mercato a caccia di una grande stella da mettere al centro del palcoscenico più importante di Manhattan, specie ora che dall’altra parte del fiume Hudson si sono riuniti Kevin Durant, Kyrie Irving e James Harden. Ma per quanto i Knicks siano diventato — a sorpresa — una squadra competente e ben gestita in questa stagione, è difficile pensare che Williamson possa diventare un loro giocatore in tempi brevi. L’ex prima scelta assoluta del Draft 2019 ha ancora due anni di contratto da rookie con i Pelicans e già nella prossima estate potrà firmare un’estensione al massimo salariale che New Orleans metterà sul tavolo al primo minuto possibile, e non succede mai che un giocatore al suo primo contratto “pesante” rifiuti l’opportunità di sistemare svariate generazioni della sua famiglia. Considerando che sarebbe da pazzi scambiare Williamson mentre è ancora così giovane e promettente, il suo futuro è certamente a New Orleans — motivo per cui lui stesso ha specificato che New York è il suo posto preferito se non si considera la Louisiana. Detto ciò, le parole rimangono: come tanti suoi colleghi, anche Williamson è rimasto ammaliato dalle luci della Grande Mela.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport