Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James, che beffa: Lakers battuti dai Kings nella gara del suo rientro

LA PRESTAZIONE
©Getty

Festa rimandata per il n°23 dei Lakers, in campo dopo 20 gare saltate causa infortunio alla caviglia: James ha chiuso con 16 punti, 8 rimbalzi e 7 assist, sbagliando però la tripla del potenziale sorpasso allo scadere e condannando i campioni NBA in carica alla quinta sconfitta nelle ultime sei gare. Il 7° posto Portland distante solo una partita e l’ipotesi play-in adesso fanno paura

Il disastro, inatteso e in parte non giustificabile contro una squadra ormai priva di motivazioni e sprofondata sul fondo della Western Conference come i Kings, sembrava aver paradossalmente lasciato a LeBron James l’opportunità ideale per far pesare il suo ritorno in campo. Cinque secondi ancora da giocare, Lakers sotto di due punti nel punteggio e rimessa gialloviola. LeBron batte solo per farsi depositare nuovamente il pallone tra le mani, non appena ha mosso un passo in avanti sul parquet: prende, spara, ma il tentativo rimbalzo alto sul secondo ferro e la palla schizza via, senza prendere in considerazione la retina. Tiro sbagliato e partita persa dai Lakers, che speravano di festeggiare al meglio - e con un comodo successo - il ritorno in campo di James dopo 20 gare d’assenza (8-12 il record senza di lui). E invece no, i campioni NBA in carica quest’anno continuano a mostrare limiti e difficoltà preoccupanti, a prescindere dalle precarie condizioni fisiche, scivolati adesso a una sola partita di distanza dal 7° posto occupato dai Blazers che significherebbe play-in.

vedi anche

Torna LeBron, Tatum da impazzire, ko Nets e Jazz

Un vero e proprio suicidio quello dei Lakers, avanti di 10 lunghezze contro un avversario inferiore dal punto di vista tecnico e delle motivazioni: a pesare è il 32-18 di parziale dell’ultimo quarto, raccolto da Sacramento nonostante le assenze di De’Aaron Fox, Hassan Whiteside e altri. Alla fine non bastano quindi i 16 punti in 32 minuti messi a referto da James - la striscia di gare in fila in doppia cifra è salva anche questa volta - conditi con 8 rimbalzi, 7 assist e un paio di recuperi, in una serata da 6/12 al tiro e 1/5 dall’arco. Il dato paradossale è che i Lakers, che tanto hanno atteso il ritorno dei due All-Star, hanno subito otto punti in più di quelli segnati nei 22 minuti in cui sia James che Davis sono rimasti sul parquet. Non solo: l’attacco dei gialloviola non è riuscito a trovare fluidità in quei frangenti, convertendo contro la peggior difesa NBA soltanto il 38.5% dei tentativi complessivi dal campo. Segnali che iniziano a diventare preoccupanti, entrati ormai in maggio che in questa stagione cominciata tardi è il mese sinonimo del via ai playoff.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche