Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Miami-Milwaukee gara-4 120-103: i Bucks chiudono i conti, Heat eliminati

NBA SU SKY
©Getty

Altra prova di forza dei Milwaukee Bucks, che di autorità chiudono i conti nella serie contro Miami sul 4-0. Giannis Antetokounmpo firma la prima tripla doppia della sua carriera ai playoff, con altri cinque compagni in doppia cifra in un secondo tempo dominato. Gli Heat si spengono alla distanza dopo un buon primo tempo: la loro stagione, dopo le Finals dello scorso anno, finisce al primo turno

IL TABELLINO

Si dice che la vendetta sia un piatto da gustare freddo, ma i Milwaukee Bucks lo hanno consumato il più in fretta possibile. Dopo la bruciante eliminazione al secondo turno dei playoff nella bolla di Disney World, Giannis Antetokounmpo e compagni si prendono la soddisfazione di eliminare i Miami Heat con un tonante 4-0 che non lascia appello alla squadra di coach Erik Spoelstra, lontana parente di quella arrivata fino alle Finals lo scorso anno. Dopo la combattutissima gara-1 finita solo all’overtime deciso dal canestro di Khris Middleton, non appena i Bucks hanno ritrovato la precisione nel tiro da fuori hanno dominato la serie, senza lasciare scampo a un Jimmy Butler apparso sottotono. Gara-4 ha avuto lo stesso andamento della serie: Heat combattivi per un tempo (avanti di 7 all’intervallo) ma Bucks sempre attaccati e capaci di cambiare marcia nel terzo quarto, fino a spegnere ogni velleità degli avversari nel corso della ripresa e chiudere sul 120-103 conclusivo.

 

Giannis Antetokounmpo ne ha approfittato per regalarsi la prima tripla doppia della sua carriera ai playoff: 20 punti, 12 rimbalzi e 15 assist per il due volte MVP, capace di armare la mano di Bryn Forbes (22 con 7/14 dall’arco), Khris Middleton (20+11) e Brook Lopez (25 con 11/15 al tiro), suggellando un secondo tempo da 63-39 per gli ospiti. Si conclude con una grossa delusione la stagione altalenante degli Heat, che tra mille problemi non sono mai sembrati capaci di replicare la magia dello scorso anno: nonostante i sei giocatori in doppia cifra (20+14 di Adebayo, 18 di Nunn), Miami non è riuscita a reggere il passo degli avversari. Inutile anche la tripla doppia di Jimmy Butler, autore di 12 punti, 10 rimbalzi e 10 assist con 4/15 al tiro e senza lasciare davvero mai il segno.

Il racconto del primo tempo

I Miami Heat con la forza della disperazione cominciano meglio, trovando anche un paio di conclusioni dalla lunga distanza di Duncan Robinson e Trevor Ariza oltre ai canestri di Jimmy Butler e Bam Adebayo, ma i Bucks (che schierano in quintetto Pat Connaughton al posto dell'infortunato Donte DiVincenzo) rimangono a contatto grazie a tre rimbalzi offensivi, andando al primo timeout sul 10-8 per i padroni di casa. Sono due triple in fila di Ariza (9 punti) a spingere gli Heat al primo vero allungo, toccando il 20-12 e costringendo coach Budenholzer a fermare la partita. Due canestri di Tyler Herro in entrata dalla panchina permettono agli Heat di toccare la doppia cifra di vantaggio, ma il rientro di Giannis Antetokounmpo coincide con il risveglio dei Bucks, che all'intervallo lungo sono sotto solamente di 4 lunghezze sul 26-22.

 

Gli Heat provano a passare a zona con la second unit, ma Antetokounmpo la buca continuamente trovando anche una tripla di Jeff Teague. L'attacco di Miami però continua a funzionare e atrovare buone soluzioni anche in avvicinamento a canestro, aprendo il campo con le triple dei veterani come quella di Andre Iguodala che vale il +10 sul 41-31. Al rientro in campo sono due triple di Bryn Forbes a tenere Milwaukee in partita, migliorando le percentuali dopo un inizio da 2/13 di squadra dall'arco. Ma in generale è Miami la squadra a mostrare più energia e voglia di attaccare, mentre i Bucks - tolto Forbes - continuano a faticare col tiro dalla lunga distanza rimanendo sotto in doppia cifra. Antetokounmpo segna il suo primo canestro dal campo solo nell'ultimo minuto di gioco con una schiacciata sopra Butler, ma Miami va comunque all'intervallo lungo avanti 64-57.

Il racconto del secondo tempo

A cominciare meglio la ripresa sono gli ospiti, che dopo cinque minuti in cui Antetokounmpo alza i giri del motore e ricuce completamente lo strappo nei confronti degli avversari, anzi passano in vantaggio grazie a un parziale di 5-0 di Krhis Middleton. Brook Lopez e di nuovo Forbes da fuori spingono gli ospiti avanti di 7 lunghezze, costringendo Miami al timeout in emergenza (con sfuriata compresa di Udonis Haslem). Al rientro però Lopez e Middleton continuano a segnare, spingendo il vantaggio sul +11 (parziale di 21-4) con Antetokounmpo che continua a smazzare assist per i compagni ed è in doppia doppia senza punti. Kendrick Nunn dà energia ai suoi con tre canestri in fila e Budenholzer ferma la partita a un minuto dal riposo lungo pur di non concedere agli avversari di trovare ritmo. Una tripla fondamentale di Dragic ferma l'emorragia sul -6, dando un po' di fiducia ai padroni di casa prima dell'ultimo quarto.

Antetokounmpo raggiunge la prima tripla doppia della sua carriera ai playoff con un canestro in uno contro uno, poi attacca di nuovo e aggiunge un assist in angolo per la tripla di Portis del nuovo +10, forzando la decisione di coach Spoelstra di fermare la partita. Nunn è l'ultimo ad arrendersi, ma la difesa di Miami continua a lasciare solo Bryn Forbes (sesta tripla di serata) e torna sotto in doppia cifra. Dragic e Middleton si allacciano nella lotta a rimbalzo alzando il livello del testosterone nella partita, gestito dalla terna arbitrale con un doppio fallo. Brook Lopez fa la voce grossa a rimbalzo d'attacco e chiude il gioco da tre punti per il +14 a 8 minuti e mezzo dalla fine, spingendo i Bucks verso il secondo turno. Le energie degli Heat vanno via via spegnendosi, senza riuscire a riapire una partita in cui sono durati appena un tempo: Milwaukee vince, si vendica dell'eliminazione nella bolla e strappa il biglietto per il secondo turno, dove attenderà la vincitrice tra Brooklyn e Boston.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche