Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Kawhi Leonard mostruoso: i Clippers battono i Mavericks e si prendono gara-7

HIGHLIGHTS NBA
©Getty

Il n°2 dei Clippers segna 45 punti e trascina gli ospiti nel quarto periodo, condannando Dallas al ko e a disputare gara-7. Opaco Luka Doncic, impreciso per 45 minuti che ritrova la mira soltanto nel finale (29 punti, 11 assist e 8 rimbalzi). Per la prima volta, sei sfide di una serie sono state vinte dalla squadra in trasferta. Le repliche della partita in onda su Sky Sport NBA alle 11, alle 14, alle 17 e alle 20.30

Per Kawhi Leonard non è ancora arrivato il momento di andare in vacanza. Niente “1, 2, 3… Cancun”, ma una prestazione leggendaria già entrata nella storia dei Clippers: 42 punti negli ultimi tre quarti di partita, 45 totali (eguagliato il massimo in carriera ai playoff) con 18/25 dal campo, 5/9 dall’arco, 6 rimbalzi e una presenza fondamentale in tutte le fasi cruciali della gara. È Leonard a realizzare 11 punti in fila nel terzo quarto, quando il +7 raccolto da Dallas appariva come il preludio alla fuga dei padroni di casa a un quarto d’ora dalla fine. È sempre il n°2 Clippers a caricarsi sulle spalle gli ospiti nel quarto periodo, quando prima ha tenuto a galla i Clippers e poi ha piazzato l’allungo decisivo. La giocata simbolo della sfida arriva a 150 secondi dalla sirena: cambio difensivo dei Mavericks e uno contro uno con Luka Doncic. Faccia a faccia, senza paura, a oltre otto metri da canestro: un tiro dalla lunga distanza senza pensare, di puro istinto. Solo rete, con i Clippers che toccano poi la doppia cifra di vantaggio e i Mavericks affossati dal 31-20 di parziale raccolto nell’ultimo quarto. “In sostanza, non avevo voglia di andarmene a casa”, chiosa il diretto interessato ai microfoni. Ce n’eravamo accorti Kawhi.

vedi anche

I 45 punti di Leonard che hanno regalato il successo ai Clippers

A dare una mano a Leonard ci ha pensato Paul George - autore di 20 punti con 6/15 dal campo, a cui aggiunge anche 13 rimbalzi, 6 assist e 3 stoppate. L’ex All-Star dei Pacers - incosistente in diverse fasi del match - è riuscito a piazzare un paio di canestri cruciali nell’ultimo quarto, proprio come Reggie Jackson che ha risposto presente nel momento del bisogno: per il nativo di Pordenone sono 15 punti nel primo tempo e 25 totali, con 9 rimbalzi, 4 assist e 8/15 al tiro. Sono loro tre l’anima offensiva dei Clippers (autori di oltre l'80% dei punti), che portano a casa il successo grazie all’ottimo lavoro a protezione del ferro, costringendo Dallas a tirare con meno del 42% dal campo di squadra. Per la prima volta nella storia della postseason NBA (a parte l’esperienza nella bolla di Orlando della passata stagione), le prime sei partite di una serie playoff sono state vinte tutte dalla squadra in trasferta. Agli oltre 18.000 tifosi dei Mavericks non resta altro che sperare che questa tendenza prosegua anche nell’ultima e decisiva sfida dello Staples Center - da seguire su Sky Sport domenica sera dalle 21.30.

vedi anche

Tutti i verdetti del primo turno playoff NBA

I Mavericks perdono così l’opportunità di chiudere i conti a Dallas, sfiorando l’impresa di battere i Clippers nonostante una prestazione opaca da parte di Luka Doncic per buona parte del match. Il n°77 sloveno è partito fortissimo - segnando 11 punti nel primo quarto, prima di perdere in lucidità e precisione, aggiungendone soltanto 6 al suo bottino personale nei 32 minuti successivi. Nella volata finale, prima che Leonard decidesse di vincere da solo la partita, Doncic ha mandato a bersaglio le due triple della sua gara (2/9 complessivo dalla lunga distanza) e provato invano a combattere sui due lati del campo contro un avversario incontenibile: “Kawhi ci ha distrutto: ha giocato una partita senza senso”, ha raccontato ai microfoni a fine gara, mettendo subito da parte la sua prestazione da 29 punti, 11 assist e 8 rimbalzi. Cifre di tutto rispetto, come quelle raccolte da Tim Hardaway Jr. che chiude con 23 punti e 9/19 dal campo. Per la quarta volta nella serie, il figlio d’arte dei Mavericks supera quota 20 punti: nelle prime tre occasioni era arrivato un successo, questa volta invece Leonard ha deciso che le cose andassero in un altro modo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche