Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, a New York e San Francisco scenderanno in campo solo giocatori vaccinati

CORONAVIRUS
©Getty
NEW YORK, NY - DECEMBER 4:  A general view of the New York Knicks logo before a game against the Sacramento Kings on December 4, 2016 at Madison Square Garden in New York City, New York. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and/or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2016 NBAE (Photo by Nathaniel S. Butler/NBAE via Getty Images)

Le nuove leggi delle città di New York e San Francisco richiederanno a tutti — giocatori inclusi — di essere vaccinati per poter partecipare ad allenamenti e soprattutto partite nelle arene NBA, a meno di comprovate motivazioni mediche o religiose. Queste regole non valgono però per le squadre in trasferta, ma i giocatori di Knicks, Nets e Warriors dovranno avere almeno una dose del vaccino per poter scendere in campo

CORONAVIRUS, DATI E NEWS LIVE

Già la scorsa settimana la NBA internamente aveva imposto a tutti i membri a contatto coi giocatori — specificatamente allenatori, dirigenti o fisioterapisti — di essere necessariamente vaccinati per poter interagire a meno di 5 metri di distanza con i membri della squadra. Ma fino a questo momento si era fermata dall’imporre la vaccinazione ai giocatori, visto che è una discussione da dover affrontare con la NBPA, l'associazione dei giocatori. Ora però la situazione è cambiata: come riportato da The Athleticle città di New York e San Francisco, dove giocano tre squadre NBA come Knicks, Brooklyn Nets e Golden State Warriors, hanno recentemente approvato delle leggi che impediscono l’accesso ad eventi a larga scala (incluse quindi le arene NBA) o a palestre e luoghi di fitness a chiunque non abbia almeno una dose del vaccino (a New York) o non sia completamente vaccinato (a San Francisco per le persone sopra i 12 anni). Le uniche eccezioni previste sono per comprovate ragioni mediche o per motivazioni religiose.

Non solo New York e San Francisco: altre città potrebbero arrivare

Anche i giocatori di Knicks, Nets e Warriors quindi dovranno essere vaccinati per potersi allenare e scendere in campo nelle partite in casa, mentre per le squadre in trasferta — essendo sotto leggi di altri stati, ma molte altre città potrebbero presto seguire quanto deciso a NYC e SF — non ci sarà quest’obbligo. La NBA ha già chiesto alle sue 30 squadre di rendere noti alla lega i giocatori che non sono ancora completamente vaccinati, i quali avranno un trattamento diverso rispetto agli altri — ad esempio con posti separati negli spogliatoi oppure, come a Toronto, il non poter interagire con persone al di fuori del gruppo squadra o lasciare l’albergo per motivi che non siano allenamenti o partite. La lega ha imposto la data dell’1 ottobre a tutti i membri della squadra (giocatori esclusi) per potersi vaccinare in vista del via della stagione che comincerà il 19 ottobre, e almeno all’inizio della stagione verrà ancora richiesto di indossare la mascherina — anche se le panchine torneranno alla strutturazione “ridotta” pre-pandemia, richiedendo però espressamente l’equivalente di un Green Pass (vaccinazione o tampone negativo nelle precedenti 48 ore) a chiunque voglia comprare un biglietto per un posto entro 5 metri dalle panchine.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche