Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Brooklyn Nets: Kyrie Irving pronto a tornare in campo? Le parole di Steve Nash

BROOKLYN
©Getty

Fuori squadra da settimane, Kyrie Irving continua ad allenarsi lontano dal gruppo in attesa che qualcosa cambi: l’aiuto provvidenziale in questo caso potrebbe arrivare dal nuovo sindaco di New York che a partire da gennaio 2022 potrebbe rimuovere le restrizioni d’accesso alle arene NBA per i non vaccinati. Una soluzione che permettere ai Nets di riaverlo in gruppo: “Lo aspettiamo a braccia aperte”, sottolinea Nash

New York ha il suo nuovo sindaco: Eric Adams, secondo afroamericano e secondo poliziotto nella storia della città a ricoprire quel ruolo - nato in povertà, era il presidente del quartiere di Brooklyn e a 61 anni si ritrova a ricoprire uno dei ruoli politici più impegnativi al mondo. Tra le tante proposte (o promesse, in base al vostro sentimento politico) avanzate dal neo-eletto sindaco della Grande Mela c’è quella di rivedere nei prossimi mesi le restrizioni e le regole d’accesso ai luoghi chiusi in base alla somministrazione del vaccino - regolamenti che al momento impediscono a Kyrie Irving di accedere al Barclays Center e prendere parte alle gare casalinghe dei Nets. “Abbiamo bisogno di modulare e valutare le restrizioni in funzione dell’andamento della pandemia”, ha spiegato, aprendo all’ipotesi di togliere il divieto per i non vaccinati e garantendo così l’accesso al posto di lavoro a migliaia di cittadini.

leggi anche

Irving, il nuovo sindaco di NYC e le speranze Nets

Guardando alla questione sotto il mero aspetto sportivo, questa potenziale apertura - si parla almeno di settimane, ma l’ipotesi più accreditata sposta il momento di intervento all’inizio del 2022 - potrebbe garantire così a Brooklyn il ritorno in campo di un All-Star come Irving, che continua a chiedere rispetto per la sua scelta di non vaccinarsi e resta fuori da gruppo e sospeso a tempo indeterminato. Steve Nash non vede l’ora di poterlo riavere a disposizione, stando anche a quanto raccontato ai microfoni a margine del successo arrivato contro Atlanta: “Non voglio fare commenti fuori luogo, ma penso che qualora cambiasse la regolamentazione a New York, Kyrie sarebbe di nuovo il benvenuto in squadra”, ben consapevole che un’aggiunta del genere - anche se soltanto da gennaio - potrebbe cambiare gli scenari in primavera per la squadra di New York. Un muro contro muro che potrebbe trovare così soluzione grazie a un intervento “esterno” provvidenziale: vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche