Please select your default edition
Your default site has been set

NCAA, Banchero incanta e vince il duello con Holmgren, Duke batte Gonzaga

NCAA
©Getty

Nella sfida tra i due contendenti per la prima scelta assoluta al Draft, Paolo Banchero ha mostrato il meglio del suo repertorio segnando 20 dei suoi 21 punti nel solo primo tempo, vincendo il duello con Chet Holmgren di Gonzaga (16 punti e 7 rimbalzi con 3 stoppate). I Blue Devils si sono mantenuti imbattuti in stagione infliggendo agli Zags, numero uno del ranking NCAA, il primo ko stagionale vincendo 84-81

Davanti al pubblico di Las Vegas delle grandi occasioni con Floyd Mayweather a bordo campo e almeno una cinquantina tra scout e dirigenti NBA presenti di persona, Paolo Banchero non avrebbe potuto sperare in un primo tempo migliore. Nell’attesissima sfida diretta con Chet Holmgren, stella di Gonzaga e suo principale rivale per la prima scelta assoluta al prossimo Draft (almeno in questo momento della stagione), il futuro azzurro ha mostrato il meglio del suo repertorio, chiudendo un primo tempo dominante con 20 punti, facendo girare la testa a tutti i presenti. Banchero non è poi riuscito a ripetersi anche nel secondo chiudendo con un solo punto (anche per problemi di crampi che lo hanno costretto a tornare brevemente negli spogliatoi), ma ci hanno pensato i suoi compagni di squadra a resistere al tentativo di rimonta degli Zags grazie ai 20 punti di Wendell Moore Jr. (anche 6 rimbalzi, 6 assist e 4 recuperi per il capitano dei Blue Devils) e i 17 con 9 rimbalzi del lungo Mark Williams. Per Banchero invece ci sono 21 punti con 8/17 al tiro e tre triple a segno su 8 tentativi con 2/3 ai liberi, insieme a 5 rimbalzi, due assist (uno spettacolare gestendo il contropiede per l’alley-oop a un compagno) e un recupero con una palla persa e due falli in 30 minuti di gioco.

approfondimento

Banchero: "Sono felice di giocare per l’Italia"

Dopo un primo tempo opaco è comunque salito di colpi anche Holmgren, che di punti ne ha realizzati 16 con 7 rimbalzi, 3 stoppate e 8/13 al tiro (pur con 0/3 da tre e problemi di falli nel primo tempo). Il lungo nativo di Minneapolis è uno dei quattro giocatori in doppia cifra degli Zags: insieme a lui ci sono i 20+10 di Julian Strawther (al suo massimo in carriera), i 17 di Drew Timme e i 16 di Rasir Bolton, senza però riuscire a evitare la prima sconfitta stagionale dopo le prime sei vittorie, sbagliando cinque tiri e perdendo tre palloni nel finale di gara. Rimangono invece imbattuti i Blue Devils di Banchero, che con questo successo nello scontro diretto e quel primo tempo fenomenale potrebbe aver messo una seria ipoteca sulla prima scelta assoluta al prossimo Draft — anche se la stagione collegiale è ancora lunghissima.

L’opinione dell’esperto di ESPN: "Banchero come Carmelo Anthony"

A fine partita l’esperto di Draft di ESPN Mike Schmitz ha fatto un bilancio della sfida tra Banchero e Holmgren indicando l’azzurro come il giocatore più impressionante. “È stato Paolo Banchero e non c’è neanche da discuterne. Oggi è sembrato chiaramente la prima scelta assoluta: ha segnato 20 punti nel primo tempo e in modi sempre diversi, segnando un sacco di tiri da NBA. Triple in transizione, canestri dalla media distanza, e sfruttando il suo fisico superiore contro Holmgren colpendolo al petto e portandolo in post basso. Ha mostrato versatilità, fiducia nei suoi mezzi e la capacità di dare il meglio davanti a un pubblico di alto livello e tutti i dirigenti più importanti delle squadre NBA che erano presenti a bordo campo. È sembrato un Carmelo Anthony ancora più grosso fisicamente e uno che potrebbe partire titolare in una partita NBA anche domani”.