Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Christmas Day, super Giannis trascina Milwaukee: Boston ko in rimonta

NBA CHRISTMAS
©Getty

Giannis Antetokounmpo chiude con 36 punti, 11 rimbalzi, 5 assist e due stoppate decisive nel successo in rimonta dei Bucks e alla prima gara dopo essere guarito dal contagio da Covid. Boston conduce con merito la gara per oltre 45 minuti, toccando più volte le 16 lunghezze di margine nonostante il roster rimaneggiato, ma non riesce a vincere nonostante i 25 punti a testa di Jayson Tatum e Jaylen Brown

IL PROGRAMMA DELLE GARE SU SKY SPORT

MILWAUKEE BUCKS-BOSTON CELTICS 117-113 (IL TABELLINO)

Il racconto del primo tempo tra Milwaukee Bucks e Boston Celtics

L’orgoglio dei Celtics non si discute, neanche a Natale e neanche in una situazione così rimaneggiata di roster: Boston per questo parte forte e dopo tre minuti è sul 12-5 di punteggio, con 5 punti a testa di Brown e Langford. Il primo quarto lancia un chiaro segnale: i Celtics sono in campo per fare sul serio, scappati via anche sul +16 dopo 10 minuti guidati dai 14 punti di un sontuoso Jaylen Brown su entrambi i lati del campo. Giannis fa a testate con il ferro, impreciso e chiaramente condizionato dal rientro post Covid. La brutta notizia è che Brown è costretto a rientrare nello spogliatoio causa infortunio e così i Celtics perdono un po’ di margine, restando avanti sul 35-22 dopo 12 minuti.

vedi anche

New York travolge Atlanta, tripla doppia Walker

La svolta che Milwaukee attende non arriva neanche dopo aver parlato un po’ su durante l’intervallo tra i primi due quarti: al ritorno in campo il livello di intensità e voglia dei giocatori in campo non è minimamente comparabile. Boston domina e vola sul 40-26 dopo un quarto d’ora di gioco. Le buone notizie per i Celtics sono che la squadra reagisce al meglio nonostante la lista delle defezioni si allunghi, mentre Milwaukee al netto dei tanti difetti di un gruppo che non sembra metterci la convinzione giusta, si riporta sul -10 a due minuti dal termine del primo tempo. Anche Tatum nel frattempo raggiunge la doppia cifra (13 punti), mentre Milwaukee grazie alla tripla sulla sirena di George Hill chiude sul -15 a metà gara - su punteggio di 62-47.

Il racconto del secondo tempo tra Milwaukee Bucks e Boston Celtics

vedi anche

Steph Curry show e gli Warriors vincono a Phoenix

La svolta attesa da parte di Milwaukee arriva a inizio ripresa, quando guidati da un Giannis Antetokounmpo da 16 punti, 4 rimbalzi e 4 assist trova ritmo in attacco e i canestri che tengono i Bucks a 10 punti di distanza a 9 minuti dal termine del terzo quarto. I cinque minuti più belli della partita arrivano quando meno te lo aspetti: Milwaukee non è diventata per caso la squadra che ha vinto il titolo NBA qualche mese fa e lo dimostra trovando ritmo in transizione, cinque triple a bersaglio e mettendo alle corde i Celtics che risponde con grandissimo orgoglio, ma che vedono diminuire il loro vantaggio a un solo possesso sul finire di terzo quarto. Se serviva una testimonianza della ripresa di Giannis al ritorno sul parquet, basta guardare ai punti 23 e 24 della partita del giocatore greco: una schiacciata devastante dal palleggio che fissa il punteggio sul 94-90 Boston a 12 minuti dalla sirena.

Quanto orgoglio però da parte anche delle riserve dei Celtics, che continua la battaglia a inizio quarto periodo e riportano il vantaggio degli ospiti a nove lunghezze. L’ultima frazione si apre con un 8-0 di parziale firmato da Boston e da un Payton Pritchard da 16 punti in uscita dalla panchina, con Tatum ha fare la voce grossa nei pressi del ferro e un gruppo in grado di mantenere il vantaggio nonostante il testa a testa contro i campioni NBA in carica. Illudersi contro i Bucks sarebbe ingenuo, infatti basta la scossa data da Giannis e il 7-0 di parziale è subito dietro l’angolo: 109-103 Boston a 4 minuti dalla sirena. Il finale del match è straordinario, in un testa a testa pazzesco che Milwaukee risolve con il primo vantaggio nella sfida a 30 secondi dalla sirena grazie alla tripla di Wesley Matthews.