Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James miglior realizzatore all-time: anche Kevin Durant lo celebra

NBA
©Getty

LeBron James è tornato in campo e continua ad avvicinare il primato di Kareem Abdul-Jabbar di punti segnati in carriera in regular season - distante ormai poco più di 1.000 punti. Un traguardo enorme, celebrato a parole anche da Kevin Durant; il giocatore in attività più vicino a lui in classifica (Carmelo Anthony al momento è senza squadra): "Dobbiamo essere felici di vivere in un’epoca in cui possiamo assistere a un’impresa di questo tipo"

Non può e non deve esserci invidia di fronte alla grandezza: lo sa bene Kevin Durant, che di punti in carriera ancora può segnarne tanti, che punta a scalare posizioni nella classifica dei migliori all-time (superati da poco sia Vince Carter che Kevin Garnett), ma che so ritrova da oltre 15 anni a condividere il parquet con un gigante insormontabile come LeBron James. Più forte e più produttivo di lui, nessuno, tanto che KD è il primo a celebrare lo storico traguardo che il n°6 dei Lakers si appresta a tagliare. “Diventare il n°1 di qualsiasi cosa è difficile in assoluto, considerando che ci sono 8 miliardi di persone nel mondo come abbiamo scoperto la scorsa settimana. Essere il primo di tutti i tempi per punti segnati in NBA beh, sarà un mix unico di emozioni per LeBron. Dobbiamo essere felici di vivere in un’epoca in cui possiamo assistere a un’impresa di questo tipo: non sarà facile neanche descrivere quello che passerà nella sua testa e in quella di chi gli vuole bene, ma è piacevole poter assistere a tutto questo”.

vedi anche

LeBron su Jabbar: "Non ho rapporti con lui"

Quanto manca? Poco più di 1.000 punti all’appello, per completare la scalata ai 38.387 punti messi a referto da Kareem Abdul-Jabbar in quella che appariva una carriera e un record insormontabili per chiunque, inavvicinabili anche per i realizzatori più abili e longevi. Un traguardo che LeBron James sta provando ad acciuffare continuando a mantenere medie vertiginose per un giocatore giunto alla sua 20^ stagione in NBA: quasi 25 punti di media nelle 11 gare in cui è sceso in campo, nella speranza che la condizione fisica gli permetta di trovare continuità sul parquet. Se così fosse, è soltanto questione di settimane, poi ci sarà modo per rendere omaggio a un campione unico per talento e longevità.