Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
14 febbraio 2012

Roma 2020, ecco il progetto che avrebbe cambiato la città

print-icon
rom

Il progetto di Roma 2020, saltato dopo la bocciatura della candidatura da parte del premier Monti

Due grandi poli divisi tra nord e sud, più l'area di Tor Vergata da costruire. In tutto 42 impianti, solo nove ancora da realizzare. Ecco come si sarebbe trasformata la Capitale, se il Governo avesse approvato la candidatura per i Giochi del 2020

SPECIALE: tutto sulla marcia verso Londra 2012

#Roma2020, su Twitter impazzano i commenti

Due grandi poli divisi tra nord e sud, più l'area di Tor Vergata da costruire e il fascino del Colosseo, sul fondale dei Fori Imperiali che nel '60 vide protagonista Abebe Bikila. E' questo il progetto che si sarebbe dovuto realizzare, se il premier Monti non avesse bocciato la candidatura di Roma per i Giochi del 2020. In tutto 42 impianti, solo nove ancora da costruire.
Tutta la manifestazione sarebbe stata compresa in un'ellisse il cui semiasse maggiore è di 12,5 km, con tempi di percorrenza medi dal villaggio olimpico ai campi gara di 14 minuti: stime ipotizzate per un periodo (24 luglio-9 agosto) in cui la città è meno affollata e sulla base di un progetto di sviluppo e modernizzazione del sistema di trasporti.

Gli impianti sarebbero quindi stati 42, di cui 33 esistenti. Ecco il progetto nel dettaglio:

1) Parco Olimpico
- Tor di Quinto: Villaggio olimpico da 18.000 posti, Centro Stampa (MPC) e tv (IBC), oltre alle gare di tennis
- Foro Italico - Stadio Olimpico: la cerimonia inaugurale e la cerimonia di chiusura, le gare di atletica, la finale di calcio degli uomini. Stadio del nuoto: nuoto
- Acquacetosa: pentathlon, hockey e tiro con arco
- Flaminio: rugby a sette, le finali di calcio donne
- Saxa Rubra: il villaggio media

2) Area sud ovest: Fiera di Roma
- Nei padiglioni si sarebbero ospitate 12 discipline: badminton, ciclismo su pista e bmx, ritmica, judo, lotta, pallamano, pugilato, scherma, sollevamento pesi, taekwondo, tennistavolo
- Eur: qui avrebbero trovato spazio i preliminari di basket, le finali di pugilato, il triathlon
- Ostia: vela e nuoto in acque libere.
- Ciclismo su strada: partenza dai Fori Imperiali fino ai Castelli

3) Tor Vergata
- Le due 'conchiglie' di Calatrava: un edificio per la Pallanuoto (4000 posti fissi), un Palasport polivalente (15mila posti). Una piscina scoperta, la pista di atletica e i parcheggi. Il palazzetto per la pallavolo, la ginnastica artistica e le fasi finali del basket. Il Tiro a Lunghezza, mentre il completo di equitazione e la mountain bike ai Pratoni del Vivaro.
- Piazza di Siena: equitazione (salto ostacoli e dressage)
- Circo Massimo: beach volley
- Olgiata: golf
- Settebagni: canoa, canottaggio, canoa slalom
- Calcio: otto città in Italia per preliminari torneo (indicata anche L'Aquila).

VIDEO - Il sogno paralimpico, verso Londra 2012: tutti i video di "Share your dream"

FOTO -
Quando l'Olimpiade fa la guerra alle guerre - Un 2011 tutto già a cinque cerchi...

GUIDA TV - Obiettivo: Londra 2012 - Le Olimpiadi secondo Sky: così sarà Londra 2012