Malagò: "Doping Russia? Una sconfitta di tutti. Fare ricorso ad aiuti oggi è follia"

Olimpiadi

In occasione del convegno "Sport e legalità" tenutosi a Roma, il presidente del Coni è tornato a parlare dello scandalo che ha travolto lo sport russo: "Il dossier del Cio è terribile". Poi su altri temi, come gli stadi di proprietà: "Quello è il futuro", e il capitolo Lega calcio: "Commissariamento? Fino all'11 c'è possibilità di trovare un accordo"

L'esclusione della Russia dai Giochi Olimpici di Pyeongchang 2018 è "una cosa eclatante, sconvolgente, terribile, epocale". "Quello che sembrava impossibile di fatto è avvenuto, indubbiamente c'è stata una relazione molto pesante degli incaricati del Cio". Lo ha detto il Presidente sel Coni, in occasione del convegno "Sport e legalità" a Roma. "La dichiarazione di Putin (no al boicottaggio) è stata simbolicamente significativa perché di fatto ha detto che non gli va di pregiudicare l'opportunità ai singoli atleti russi puliti di vincere una medaglia" e che possono avere "la loro soddisfazione sul campo" con la bandiera del Cio.

Secondo Malagò, "quei signori che hanno barato e manomesso le provette" e gli atleti che non hanno rispettato le regole "hanno influenzato la vita degli altri sportivi". "La medaglia viene restituita, ma non è la stessa cosa", "molti atleti hanno compromesso la loro carriera" a causa di perdita di sponsor e investimenti. In generale, ha osservato il Presidente del Coni, "è una grande sconfitta di tutti in assoluto che ai giochi invernali non ci sia un paese come la Russia e poi in particolare che la classifica di Sochi era completamente artefatta con molte medaglie che vengono restituite, tra cui alla nostra Oberhofer e magari ce ne arriva anche qualche altra". In Italia, ha concluso, sono stati fatti "grandi passi avanti negli ultimi anni" contro il doping destinando maggiori risorse alla lotta: "Oggi gli atleti italiani sanno che rischiare è diventata una follia, è un suicidio. Il messaggio è passato. Fuori confine siamo una best practice da applicare".

Gi stadi di proprietà sono il futuro

Quanto al capitolo stadi di proprietà a chi gli chiedeva se sia il caso, dopo l'approvazione del progetto dello stadio della Roma, di farne uno anche per la Lazio: ""Assolutamente sì, sia per la Lazio sia per le altre società che stanno portando avanti i propri progetti". Malagò ha, quindi, ricordato che il Cagliari "è molto avanti" su questa strada e che "a Bologna si stanno muovendo le cose". "Poi c'è Firenze" e anche "su Milano c'è fermento. Non vorrei mancare di rispetto scordando qualcuno, ma il futuro è questo, l'ho sempre sostenuto", ha concluso precisando che "a macchia di leopardo le cose vanno avanti".

Commissariamento? Fino alla sera dell'11 si può trovare un accordo"

"Bisogna capire e vedere se la Lega calcio farà questa cosa e soprattutto se normativamente si può fare", ha spiegato ancora Malagò in merito all'ipotesi che le società di Serie A chiedano alla Federcalcio una
proroga del commissariamento. Quali scenari possibili? "Non lo so - ha risposto Malagò - vediamo il 12 dicembre. Fino alla sera dell'11 le società hanno la possibilità di trovare un accordo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche