Sofia, attenta alle "Goggiate". Il sogno della medaglia olimpica è in...discesa

Olimpiadi

L'emozione della prima Olimpiade, la pressione e il fatto che conteranno solo le medaglie. Ma le preoccupazioni dell'azzurra dello sci prima di PyeongChang ("Su di me molte aspettative") si sciolgono in fretta: "Sogno un podio in discesa libera"

I RISULTATI DELL'OTTAVA GIORNATA
IL MEDAGLIERE

Pronti, via! Per Sofia Goggia inizia la prima avventura olimpica, proprio come l’aveva sognata da bambina quando, all’età di 3 anni, alla scuola materna, la maestra le chiese cosa voleva fare da grande: lei rispose che il suo desiderio era quello di sventolare al bandiera tricolore. Un sogno che in parte si avvera per la 25enne bergamasca che gareggierà in ben 4 specialità: discesa, slalom gigante, superg e combinata.
E’ affamata di vittorie e in Corea arriva con un palmares di tutto rispetto 20 podi e 4 vittorie fino ad oggi, oltre alla medaglia di bronzo iridata conquistata lo scorso anno nel gigante di St.Moritz . “Sono consapevole di aver fatto tutto quello che potevo fare e sono onorata di rappresentare il mio paese, l’Italia. L’Olimpiade è la massima espressione dello sport e voglio vivere ogni momento al massimo. In Corea lo scorso anno ho vinto due gare, ma so bene che le condizioni potrebbero essere diverse. Non penso al passato, ora siamo alle Olimpiadi, cambia la storia, si deve guardare avanti. Mi auguro di dare il massimo poi si vedrà alla fine”.
Già dallo scorso anno si è dedicata molto all’aspetto mentale ed emotivo per cancellare le tensioni, i dubbi e per diventare più brava nel gestire la pressione della gara: “Bisogna stare concentrati e non sempre è facile. So che su di me ci sono molte aspettative e quindi anche questi aspetti vanno gestiti”.

E’ testarda, grintosa, a volte sbaglia anche in gara con le sue “GOGGIATE” come le chiama lei: ”Sono fatta così, voglio dare il massimo e gli errori sono li dietro l’angolo, alle Olimpiadi dovrò cercare di fare ancora meglio di curare i dettagli”.
Sarà la sua prima Oimpiade e non vuole perdersi nulla di ciò che riuscirà a vivere, dalla cerimonia d’apertura, agli eventi, al villaggio olimpico e ovviamente alle gare. ”Oltre al materiale tecnico e abbigliamento mi porto la macchina fotografica, il diario per scrivere ogni giorno i miei pensieri, qualche libro e la musica”. Spiega la Goggia che andrà alla ricerca della sua prima medaglia olimpica a Pyongchang. E alla domanda in quale delle 4 discipline sceglierebbe di salire sul podio olimpico, ci pensa…..si emoziona, e con occhi lucidi risponde: ”In discesa, sì, in discesa libera”.

PyeongChang 2018, gli speciali su Sky Sport 24

mercoledì 7 febbraio - SOFIA GOGGIA (SCI)
giovedì 8 febbraio - ARIANNA FONTANA (SHORT TRACK)


I più letti