Rugby, Sonny Bill Williams rifiuta lo sponsor

Rugby

Francesco Pierantozzi

Sonny_Bill_Williams_getty

La star del rugby mondiale, bi-campione del mondo nel 2011 e 2015 con gli All Blacks, si oppone a fare promozione a una banca sulla propria maglia da gioco

L'obiezione di coscienza entra in una nuova era: l'oscuramento di sponsor sulla maglietta. È accaduto in Nuova Zelanda, si parla di rugby ovviamente, con il collo di una maglia da gioco incerottato per occultare il nome di una banca. La maglietta è quella dei Blues, base a Auckland, la città più grande del Paese, l'unica metropoli, la partita quella giocata nel SuperRugby, torneo dell'emisfero sud, dai Blues, appunto, contro gli Highlanders sabato 8 aprile, e l'autore è Sonny Bill Williams, All Black, due volte campione del mondo (2011 e 2015) al rientro da un brutto infortunio, tendine d'achille rotto alle Olimpiadi di Rio.

Uno famoso come Totti in Italia, uno che, abbracciato l'Islam, si attacca a una clausola del contratto sottoscritto dalla federazione neozelandese che prevede il possibile rifiuto, causa religione e altro, di fare promozione a sponsor legati ad alcool, scommesse, tabacco, finanza e banche. Certo nessuno ha mai pensato ai loghi commerciali sulla maglia della squadra, uguale per tutti, numeri sulla schiena a parte, forse piuttosto a spot pubblicitari, a immagini e il gesto Di Sonny Bill sembra essere un'anomalia che apre le porte ad altri possibili rifiuti, magari legati a "conversioni" dell’ultim'ora, o a interessi commerciali, con agenti e manager pronti a infilarsi nelle pieghe dei contratti. E senza mettere in dubbio la buona "fede" di Sonny Bill…

Un ricordo italiano, con risvolti commerciali e non certo etici-religiosi, è quello di fine anni settanta, protagonisti Paolo Rossi, il futuro eroe dell'Italia campione del Mondo 1982, e il Perugia calcio. Rossi, appena arrivato dal Vicenza, e forte di un contratto personale con la Polenghi-Lombardo, azienda alimentare, si rifiuta di indossare una maglietta con la scritta Ponte, pastificio, che, in un'epoca pionieristica e primordiale sugli sponsor, con un "escamotage", quasi fosse un fornitore tecnico (produttore di maglie e tute da gioco), finisce in bella vista sulla divisa del Perugia 1979-1980. Per capirci: dieci maglie identiche con la scritta Ponte, e una rossa col solo simbolo del Perugia, quella di Rossi, per un'obiezione personale ma non di coscienza…Semplicemente un conflitto di interessi, categoria merceologica identica, come diremmo oggi…

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.