Rugby, Italia-Uruguay: c'è un solo risultato possibile

sabato su sky
Francesco Pierantozzi

Francesco Pierantozzi

©Getty

Terzo test match per gli Azzurri che sabato, a Parma, sfidano l'Uruguay, live su Sky Sport Arena dalle ore 13.30. Tre i precedenti, tutti vinti dall'Italia, ma sono uno giocato in casa, ad Avezzano, nel lontano 1999

ROTTURA DEL CROCIATO SINISTRO PER MARCO RICCIONI

C’è un solo risultato possibile: la vittoria. L’Italia contro l’Uruguay deve segnare il territorio del…ranking, dimostrare di essere una squadra di prima fascia. Qualcuno magari sorriderà, pensando alle 16 sconfitte consecutive o al fatto che nelle ultime 49 partite giocate siano arrivati solo 6 successi, nessuno dei quali con nazionali “top” ma con Fiji, Giappone, Georgia, Russia, Namibia e Canada, però proprio questa è la ragione per cui non si può sbagliare. Tre i precedenti, tutti vinti dagli azzurri, uno solo in Italia, ad Avezzano nel 1999. Da 14 anni non si gioca questa sfida. Attenzione però: l’Uruguay si è appena qualificato, battendo nettamente gli USA, per il Mondiale del 2023 in Francia e sarà nel nostro girone. Un motivo in più per ribadire il concetto della superiorità italiana

La formazione: sette cambi per l'Italia

leggi anche

Italia, rottura del crociato sinistro per Riccioni

Sette cambi azzurri, sostanzialmente metà squadra. Promozione dalla Nazionale A (la seconda squadra per capirci), che ha battuto l’Uruguay (31-13) la scorsa domenica a Padova, di Pierre Bruno, debuttante, all’ala, e ritorno dell’equiparato sudafricano Braam Steyn in terza linea. Lo zoccolo duro, quelli sempre presenti, è rappresentato dall’apertura Garbisi, da Brex e Ioane tra i trequarti e dai due flanker Negri e Lamaro, il capitano. Tra questi ci sarebbe stato sicuramente il pilone destro Riccioni che si è rotto il crociato di un ginocchio nel match di Treviso con l’Argentina. In quel ruolo, con Zilocchi e Simone Ferrari KO, l’emergenza porta allo spostamento di Nemer da sinistra a destra in prima linea.

Rugby

Il rugby uruguaiano

L’Uruguay, come si sa, è conosciuto soprattutto per il calcio, ma il rugby ha una lunga storia, ultracentenaria, una buona tradizione con più di diecimila tesserati per una popolazione di circa tre milioni e mezzo di persone, con 26 club e la presenza in molte scuole. Quando si parla di rugby uruguyano tutti ricordano la storia dei sopravvissuti delle Ande, quei giocatori dell’Old Christians Club che, con amici e familiari, in volo verso il Cile si schiantarono sulla Cordigliera. Stremati dal freddo e dalla fame finirono per sopravvivere col cibarsi dei resti dei compagni morti, una tragica vicenda narrata nel libro Tabù e nel film Alive. Difficile parlare di rugby anche se sono passati quasi cinquant’anni. L’Uruguay ha pochi professionisti, per lo più nelle serie minori francesi, e nomi del recente passato come Lemoine, Capo Ortega, una leggenda a Castres, e Diego Ormaechea, il cui figlio sarà in panchina a Parma. La tradizione continua, speriamo anche quella dei risultati

Appuntamento sabato 20 novembre alle ore 14.00 per Italia-Uruguay. Live da Parma (Stadio Lanfranchi) su Sky Sport Arena.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche