6 Nazioni 2022, per l'Italia parte il raduno a Roma

Rugby
FOTO da @Federugby - Titter
italia_rugby_twitter

Inizia oggi il raduno a Roma per preparare le sfide con Scozia e Galles. Rilasciati i quattro “francesi” e cinque giocatori del Benetton Treviso in vista delle sfide dei rispettivi campionati del prossimo fine settimana. Ventisei i giocatori chiamati dall’under 20

È iniziato ufficialmente il raduno della Nazionale italiana di rugby a Roma, in vista delle ultime due sfide del torneo Sei Nazioni contro Scozia e Galles, entrambe disponibili sulle piattaforme #skyrugby. Lo staff tecnico azzurro ha rilasciato per gli impegni del fine settimana con i rispettivi club: il pilone Pietro Ceccarelli (La Rochelle-Brive), il mediano di apertura Paolo Garbisi (Castres-Montpellier), il trequarti Federico Mori (Bordeaux Bègles-Pau) tutti nel Top14 francese; l’estremo Ange Capuozzo (Grenoble-Nevers) nel ProD2, mentre sono tutti destinati al Benetton Treviso per la sfida di United Rugby Championship contro la corazzata irlandese Leinster, Braam Steyn, Marco Zanon, Cherif Traoré, Toa Halafihi e Federico Zani. Quest’ultima scelta, in particolare, risulta piuttosto chiara nelle gerarchie verso la sfida contro gli Highlanders. Se è vero da un lato che Treviso, dopo l’infortunio a Gianmarco Lucchesi e la squalifica di Hame Faiva si trova di fatto senza tallonatori, altrettanto evidente sembrerebbe la volontà di partire nella sfida al XV del cardo con Luca Bigi e Giacomo Nicotera. Intanto da lunedì a mercoledì prossimi sono stati invitati a partecipare al raduno il tallonatore del Viadana Giampietro Ribaldi, per il quale si parla di un imminente futuro alle Zebre, e i trequarti delle Fiamme Oro, Ludovico Vaccari, Filippo Di Marco e Alessandro Forcucci.

L’under 20 alla ricerca della doppietta

approfondimento

Placcaggio pericoloso, 4 settimane di stop a Faiva

Si ritroveranno nel fine settimana a Treviso, invece, i ragazzi dell’under 20 di Massimo Brunello, autori di una delle pagine più belle di questo torneo con la vittoria contro l’Inghilterra ottenuta a Treviso. Sempre lo stadio Monigo sarà cornice della sfida ai pari età della Scozia venerdì 11 marzo e chissà che non possa scapparci uno splendido bis, nell’attesa poi di chiudere contro il Galles domenica 20 a Colwyn Bay. Sono ventisei i convocati che si alleneranno nelle strutture del centro sportivo La Ghirada, compresa la conferma di Ross Vintcent, pienamente recuperato dall’infortunio subito nella sconfitta contro l’Irlanda. Il programma prevede il ritrovo del gruppo alle ore 14 di domenica 6 marzo, quindi tre giorni di allenamenti da lunedì 7 a mercoledì 9, poi giovedì 10 il Captain’s run serale sul prato di Monigo, quindi la sera successiva, venerdì 11 marzo, il match contro la Scozia, con kick-off alle ore 20:00.

I 26 chiamati da Brunello

approfondimento

Italia al 6 Nazioni: chi sarà il tallonatore

Questi i convocati: Riccardo Andreoli (Rugby Rovigo Delta), Riccardo Bartolini (Florentia Rugby), Lizardo Rodriguez Carlos Berlese (Ruggers Tarvisium), Valerio Bizzotto (Rugby Bassano 1976), Giovanni Cenedese (Villorba Rugby), Federico Cuminetti (Rugby Lyons), Andrea Cuoghi (Modena Rugby 1965), Giacomo Ferrari (Unione Rugby Capitolina), Lapo Frangini (Firenze 1931), Arturo Fusari (Fiamme Oro), Alessandro Garbisi (Mogliano Rugby 1969), Riccardo Genovese (Cus Torino), Filippo Lazzarin (Rugby Petrarca), Giulio Marucchini (Polisportiva Lazio Rugby 1927), Francois Carlo Mey (Rugby Colorno 1975), David Odiase (Rugby Colorno 1975), Alessandro Ortombina (Valorugby Emilia), Lorenzo Pani (Benetton Rugby Treviso), Dewi Passarella (Ruggers Tarvisium), Luca Rizzoli (Unione Rugby Capitolina), Giovanni Sante (Mogliano Rugby 1969), Tommaso Scramoncin (Rugby Petrarca), Nicolò Teneggi (Valorugby Emilia), Pietro Turrisi (Wasps Academy), Flavio Pio Vaccari (Rugby Calvisano), Ross Michael Alwyn Vintcent (Accademia Nazionale Ivan Francescato).