World Series 2017: Astros-Dodgers 13-12 in una gara 5 da record

Sport USA

Danilo Freri

Gli Astros esultano dopo un punto realizzato contro i Dogers (Getty Images)

Gli Houston Astros vincono gara 5 e sono in vantaggio 3-2 nella serie sui Dodgers. Una partita che è stata un continuo shock emotivo in una finale che è già leggenda

Alla fine rimangono i record, i numeri che cercano di riassumere tutto quello che è successo in una gara travolgente e infinita. Ma che non possono raccontare fino in fondo un'alternanza di emozioni, di speranze morte e rinate continuamente con un giro di mazza per 5 ore e 17 minuti.
Vincono gli Astros con il punteggio di 13 a 12 al decimo inning e ora sono in vantaggio 3 a 2 nella serie che assegna il titolo MLB. Questa è la semplice realtà, il problema è raccontare come è successo tutto questo.
Partiamo dai numeri allora. È la seconda gara più lunga di sempre nelle World Series, con 25 punti segnati anche qui è la seconda di sempre (gara 4 Toronto-Philadelphia 15-14 nel 1993). Houston ha rimontato tre volte, è andata sotto anche di quattro punti e un'altra volta di tre, ed è sempre risalita. Nella nona ripresa sono stati i Dodgers a rimontare da meno tre per pareggiare a quota 12 e mandare gara 5 agli extra inning. I 22 fuoricampo totali realizzati in questa serie sono già record assoluto. E non è finita. Ora la serie si sposta a Los Angeles dove i Dodgers possono sfruttare il vantaggio del campo per ribaltarla ancora.
Alla fine l’ha vinta Alex Bregman, un rookie, un ragazzo di 23 anni che recita già da superstar e che ha portato a casa il punto vincente. Considerato da anni un grande talento, Bregman ha preso il palcoscenico al momento giusto, oscurato per gran parte dell'anno da Judge e Bellinger, due rookie che hanno alimentato sogni a colpi di fuoricampo. Ma la sua solidità ora si sta imponendo come più decisiva. È un difensore pazzesco e in attacco non gli manca la capacità di incidere come si è visto nei playoff. Bregman spinge giù dal piedistallo dove è esposto l’eroe della partita, l'altro rookie eccellente di questa finale: Cody Bellinger. Un mistero per le prime tre partite della serie, oppresso da troppa gioventù in un momento così importante, Bellinger è tornato decisivo in gara 4 e lo sarebbe stato anche in gara 5 con un fuoricampo e un triplo. Ma basta ai Dodgers andare spesso avanti nel punteggio. Dopo il passaggio a vuoto della gara precedente, l'attacco degli Astros torna a colpire inesorabile. Altuve, Correa, Gurriel e Springer guidano le rimonte fino alla prodezza definitiva di Bregman.
I Dodgers hanno così perso entrambe le gare agli extra inning di questa serie e dovranno gestire la frustrazione. Pensando non tanto di aver perso un'opportunità, ma di averne ancora un'altra per vincere il titolo. Houston è più vicina al primo successo della sua storia in una stagione in cui resiste ad ogni uragano che la colpisce. Si rialza più forte, come hanno imparato a fare i suoi tifosi negli ultimi mesi.
Tutti, in campo e fuori, parlano delle partite più incredibili vissute o viste nella loro vita. Ora arriva gara 6. Lasciamo che il baseball e queste due squadre ci sorprendano ancora.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.