ATP Finals 2018, Djokovic supera Zverev 6-4, 6-1 nel gruppo Kuerten

Tennis

Secondo successo a Londra per Djokovic, che lascia appena cinque giochi al Next Gen tedesco e vola in semifinale. Per Sascha un ko pesante, specialmente per quanto visto nel secondo set, totalmente dominato dal numero 1 del mondo. Le Finals in diretta esclusiva su Sky

ATP FINALS, RISULTATI E CLASSIFICHE

Novak Djokovic conferma il suo stato di grazie battendo Sascha Zverev 6-4, 6-1 in un'ora e 16' nel match di apertura della seconda giornata del gruppo Kuerten. Il numero uno del mondo ha inflitto una dura lezione al Next Gen tedesco (5 ATP), che è stato in gara fino al 4 pari, prima di essere letteralmente sommerso da un parziale di 8-1 con appena due punti conquistati negli ultimi 5 giochi. Il serbo si conferma in versione robot: in questo 2018 ha vinto quattro trofei, tutti pesantissimi (Wimbledon e Us Open oltre ai due Masters 1000 di Cincinnati e Shanghai) e vanta un bilancio di 51 vittorie contro 11 sconfitte. Nole ha vinto 33 degli ultimi 35 match disputati: nella seconda parte dell’anno sono riusciti a batterlo solo Tsitsipas negli ottavi del “1000” di Toronto e Khachanov nella finale di quello di Parigi-Bercy. Il cinque volte vincitore delle Finals (2008, 2012, 2013, 2014 e 2015) ha centrato la semifinale con un turno di anticipo, per Zverev, invece, bisognerà attendere quello che sarà un vero spareggio contro Isner nella giornata di venerdì. 

Djokovic-Zverev, la cronaca

Zverev fa tutto perfettamente nel primo set, arrivando a servire sotto 5-4 in pieno controllo e dopo aver sfiorato il break. Nel game 'decisivo', sotto pressione, il tedesco concede due set point, è bravo ad annullarli ma vanifica tutto il lavoro fatto con un doppio fallo (il primo del suo match) che gli costa il set 6-4. Il tutto condito da 18 errori e 15 vincenti, in un parziale in cui ha fatto e disfatto e in cui Nole ha controllato le sfuriate del rivale, arrivando comunque a concedere due break point nel nono game. Sascha cerca di restare dentro al match, ma il serbo è in versione robot e non si lascia sfuggire l'occasione per piazzare il secondo break del suo incontro in apertura del secondo set, volando 3-1. Il tedesco, a cui la cura Lendl sembra non dare per ora grossi frutti, esce definitivamente di scena consegnando il servizio anche nel sesto gioco, venendo poi affossato 6-1 da un Djokovic senza pietà. "Non è stato un grande tennis, lui ha fatto tanti errori che mi hanno agevolato la vittoria - ha spiegato Nole al termine della partita -. La chiave è stata salvare due palle break alla fine del primo set, altrimenti sarebbe stata dura. Nel secondo set è stato tutto più facile". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche