Australian Open 2019: Federer al 2° turno, Istomin battuto 6-3, 6-4, 6-4

Tennis

Poche preoccupazioni per il campione in carica, che al debutto a Melbourne si libera dell'uzbeko Istomin con i parziali di 6-3, 6-4, 6-4: ora lo svizzero attende il britannico Daniel Evans. Gli Australian Open in diretta su Eurosport (canali 210 e 211), su Sky Sport 24 uno studio dedicato alle 16.30 e alle 22 con highlights, approfondimenti e commenti

AUSTRALIAN OPEN, TUTTI I RISULTATI

NADAL SVEGLIA UN GIORNALISTA IN CONFERENZA STAMPA: VIDEO

Roger Federer comincia nel migliore dei modi la sua corsa verso il 100° titolo ATP in carriera. Lo svizzero numero 3 del mondo e terza testa di serie del seeding, si è qualificato per il secondo turno degli Australian Open battendo 6-3, 6-4, 6-4 l'uzbeko Denis Istomin, 99 del ranking mondiale in meno di due ore di gioco. Per Roger, a caccia del settimo titolo a Melbourne, il terzo consecutivo e il 21° negli Slam, c'è ora da affrontare il britannico Daniel Evans, numero 190 della classifica mondiale e proveniente dalle qualificazioni, che ha superato il giapponese Ito. Per Federer, 37 anni, si tratta della settima vittoria in altrettanti incontri con Istomin, la numero 1081 sul circuito ATP.

Federer-Istomin, la cronaca

Roger comincia premendo subito sull'acceleratore e strappa la battuta all'occhialuto avversario già nel quarto game, al secondo tentativo. Il fenomeno di Basilea è una sentenza al servizio (20/23, tre soli errori in battuta e ben 7 ace), non sbaglia mai quando scende a rete e con un eloquente 17-3 alla voce vincenti chiude i conti 6-3 in appena 27' di gioco. Il livello di Federer resta alto, tanto da garantirgli un break anche in apertura del secondo parziale, che gli consente una nuova fuga (3-1). Roger gestisce senza particolari problemi e chiude 6-4 il set in 42'. Istomin comincia meglio il terzo set, porta il rivale ai vantaggi per la prima volta nel match, ma poi cede ancora una volta il servizio nel quinto gioco, consegnandosi praticamente al Re (3-2). Federer non sbaglia più nulla e chiude i conti 6-4 in meno di due ore di gioco: per il Maestro, obiettivo centrato senza faticare più di tanto. 

I più letti