Thiem: "Scioccato dalle positività al coronavirus, Adria Tour è stato un errore"

Tennis

Il numero 3 del mondo, campione nella tappa dell'Adria Tour di Belgrado, ha affidato a Instagram il suo pensiero sulle positività al coronavirus, tra cui quella di Djokovic: "Sono scioccato. E' stato un errore, chiedo scusa per il nostro comportamento, siamo stati presi dall'euforia". L'austriaco ha effettuato cinque test negli ultimi dieci giorni, risultando sempre negativo

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Dominic Thiem, numero 3 del mondo, è stato uno dei grandi protagonisti della prima tappa dell'Adria Tour, tanto da vincere il torneo ideato da Novak Djokovic a Belgrado. L'austriaco, protagonista della notte brava in un club della capitale serba insieme ad altri colleghi, tra cui lo stesso Djokovic, Dimitrov e Zverev, ha riconosciuto i tanti errori dell'organizzazione e degli stessi giocatori, che hanno provocato le positività al Covid-19 tra gli altri di Djokovic, Grigor Dimitrov, Borna Coric e Viktor Troicki. "Sono rimasto scioccato quando ho ascoltato le notizie delle positività al coronavirus - ha scritto Thiem in un post su Instagram -. Abbiamo seguito le normative vigenti del Governo serbo rispetto alla pandemia, ma è evidente che siamo stati troppo ottimisti. Il nostro comportamento è stato un errore e ci siamo fatti prendere la mano dall'euforia". Thiem ha poi scritto di essere stato sottoposto a test per cinque volte negli ultimi 10 giorni, risultando sempre negativo. L'austriaco non era partito per Zadar, spostandosi nell'Academy di Patrick Mouratoglou nel Sud della Francia per disputare l'Ultimate Tennis Showdown

Manager Thiem: "La colpa è solo di Djokovic"

leggi anche

Papà Djokovic: "Dimitrov ha portato il virus"

Parole molto dure quelle pronunciate da Herwig Straka, manager di Thiem, al quotidiano austriaco 'Der Standard': "L'Adria Tour è stato un torneo assurdo, così come la direzione e l'organizzazione - ha detto -. Per questo la colpa è di Djokovic e di coloro che lo rappresentavano. E' stata una sciocchezza, gli altri giocatori sono stati invitati ma lui era l'organizzatore, non ha certo reso giustizia al suo ruolo di presidente dei giocatori dell'ATP"

TENNIS: SCELTI PER TE