US Open 2020, Djokovic multato dopo la squalifica: perde in totale 260mila dollari

Tennis

Novak Djokovic è stato multato di 10mila dollari dagli organizzatori degli US Open per "condotta antisportiva" dopo la squalifica rimediata nel match degli ottavi di finale contro Carreno Busta. Per Nole, che ha perso anche i 250mila dollari del prize-money già in tasca, una pallata costata davvero molto cara

CLAMOROSO, DJOKOVIC SQUALIFICATO

Novak Djokovic paga a carissimo prezzo la pallata che lo ha escluso dagli US Open 2020. Il serbo, squalificato per aver colpito una giudice di linea con una pallina, è stato infatti multato dagli organizzatori dello Slam americano di 10mila dollari per "condotta antisportiva". Ben più pesante la perdita economica di 250mila dollari del prize-money, requisito dagli organizzatori in caso di squalifica. La pallina scagliata che ha colpito la giudice di linea, quindi, è costata a Nole ben 260mila dollari. Restano comunque briciole per un giocatore che in carriera ha guadagnato quasi 144 milioni di dollari, di cui oltre quattro e mezzo incassati in questo 2020. Djokovic è atteso il prossimo 14 settembre agli Internazionali d'Italia a Roma. 

Djokovic, le scuse sui social

vedi anche

Pescosolido: "Squalifica di Djokovic esagerata"

Subito dopo il "fattaccio", Nole si era scusato per il suo gesto con un post sui social: "Tutta questa situazione mi ha lasciato davvero triste e vuoto. Mi hanno detto che grazie a Dio la signora sta bene. Sono molto dispiaciuto per averle causato tanto stress. Non era mia intenzione, ho sbagliato. Per quanto riguarda la squalifica devo trasformare tutto questo in una lezione per la mia crescita come giocatore e uomo – conclude Djokovic -. Chiedo scusa al torneo per il mio comportamento. Sono molto grato al mio team e alla mia famiglia per supportarmi, così come ai miei fan per essere sempre lì con me. Grazie e mi dispiace tanto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche