Internazionali Roma, Sinner: "Ho un obiettivo in testa, pressione va gestita"

roma

L'azzurro con il miglior ranking in tabellone a Roma, vista l'assenza di Berrettini, è pronto al debutto di lunedì contro lo spagnolo Martinez. "E' ovvio che ci sia pressione - ha spiegato in conferenza - ma bisogna gestirla, fa parte del gioco". Tutto il torneo in diretta su Sky Sport

INTERNAZIONALI, RISULTATI LIVE

"Ho un obiettivo in testa, servono tanti sacrifici, bisogna passare attraverso momenti difficili. Poi quando sei tra i primi 15 o 10, ogni dettaglio può fare la differenza". Così Jannik Sinner, in conferenza stampa alla vigilia dell'esordio agli Internazionali d'Italia contro lo spagnolo Pedro Martinez (lunedì 9 maggio). Il ventenne altoatesino, reduce da un inizio di stagione problematico, è l'italiano con la miglior classifica in tabellone (13esimo nel ranking Atp) al Foro Italico visto il forfait di Matteo Berrettini.  "Mi dispiace che Matteo e Lorenzo (Musetti) non riescano a giocare qui. Certo che c'è pressione, ma la devi gestire, fa parte del gioco. Ognuno ha la sua strada, l'importante è concentrarsi su se stessi".

"Crescere senza snaturarmi"

leggi anche

Arnaldi e Passaro subito out, oggi 4 italiani

Nel nuovo percorso intrapreso tre mesi fa con il nuovo coach Simone Vagnozzi, Sinner ha un obiettivo: arricchire il proprio tennis senza snaturarsi. "Ha un metodo diverso rispetto a Riccardo Piatti, penso che stiamo lavorando bene - ha detto -. So fare più cose se mi dovesse servire in campo, l'importante è non perdere quel che sono, ovvero un giocatore che entra in campo e spinge. Ma il tennis non è solo questo, è anche variare, capire i momenti della partita. Stiamo lavorando sul trasformare il gioco, possiamo migliorare tanto dalla parte del rovescio. Siamo sulla buona strada".