Orrore in Afghanistan, pallavolista decapitata dai talebani

afghanistan
mahjabin hakimi pallavolo

Si chiamava Mahjabin Hakimi la giovane pallavolista della nazionale afghana di volley decapitata perché di etnia Hazara e perché giocava a volley senza hijab, secondo quanto riportano i media locali. Un altro episodio di terrore verso le donne dopo la riconquista del potere da parte dei talebani. Su tutti i campi di volley italiani nel weekend sarà osservato un minuto di silenzio

L'orrore non si ferma. Dopo la riconquista del potere la scorsa estate, i talebani stanno proseguendo nella persecuzione delle donne e delle minoranze. Secondo quanto riportano i media locali, come l'Independent Persian, ai primi di ottobre è stata uccisa Mahjabin Hakimi, giocatrice della nazionale di volley afghana. La giovane pallavolista è stata decapitata in quanto Hazara (una minoranza etnica perseguitata da decenni dai talebani) e perché giocava a pallavolo senza hijab (il velo che copre i capelli delle donne). La notizia è stata resa nota solo nelle ultime ore dalla sua allenatrice, rimasta anonima per ragioni di sicurezza. I familiari infatti erano rimasti in silenzio per timore di rappresaglie. La pallavolista, prima dell'arrivo al potere dei talebani, giocava per la squadra comunale della capitale afghana e per la nazionale giovanile del Paese. Delle giocatrici della nazionale giovanile, ha spiegato l'allenatrice, solo due sono riuscite a scappare all'estero, mentre tutte le altre "sono state costrette a fuggire e nascondersi" e i tentativi di trovare "aiuto da organizzazioni e Paesi internazionali non hanno avuto successo". Diverse atlete della nazionale di volley afghana avevano già raccontato di temere violenze e rappresaglie da parte dei talebani per la loro attività sportiva, chiedendo alla comunità internazionale di aiutarle a lasciare il Paese. 

Minuto di silenzio sui campi italiani

Un minuto di silenzio in memoria di Mahjabin Hakimi sarà osservato su tutti i campi della pallavolo italiana nel fine settimana. Lo ha disposto il presidente della Fipav, Giuseppe Manfredi, sentiti il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e la sottosegretaria allo sport, Valentina Vezzali. Il lutto sarà osservato da tutta la pallavolo italiana, dalla massima serie ai campionati regionali e territoriali, nelle gare in programma sabato e domenica.

Donne, sport e minoranze nel terrore

leggi anche

Talebani vietano sport a donne: "Non è necessario"

I talebani hanno riconquistato il potere in Afghanistan a metà agosto, dopo il ritiro delle forze americane e alleate dal paese. Nonostante gli iniziali proclami, il nuovo regime ha ripreso a perseguitare, come nel passato, donne, minoranze, oppositori politici e tutte quelle persone che svolgono attività considerate "immorali" secondo i dettami dei talebani. A farne le spese anche il mondo dello sport, tra i settori più presi di mira dal regime: decine di atlete e atleti sono riusciti a scappare dal paese raggiungendo l'Europa attraverso corridoi umanitari. Ma i tanti e le tante rimasti nel paese ora vivono nel terrore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche