Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
09 novembre 2015

Doping: "Corrotto l'ex n° 1 Iaaf, federazione russa da bandire"

print-icon
lam

Lamine Diack, ex capo della Federazione d'Atletica, è stato sospeso dal Cio (Foto Getty)

Il Comitato etico del Cio chiede una sanzione per Lamine Diack, già presidente dell'atletica mondiale: avrebbe preso (e riciclato) denaro per coprire il doping russo. Intanto l'antidoping internazionale vuole bandire la federazione russa da ogni competizione

La Commissione Etica del Cio - il Comitato Olimpico Internazionale - ha deciso di sospendere temporaneamente Lamine Diack, ex presidente della Federazione Internazionale di atletica leggera, dal ruolo di membro onorario del Cio stesso. Il nome di Diack è nell'indagine avviata dalle autorità francesi, ed è sospettato di riciclaggio di denaro e corruzione: avrebbe incassato somme di denaro dalla federazione russa di atletica leggera in cambio del silenzio su più casi di positività al doping.

E la Wada... -  Intanto l'Agenzia mondiale antidoping (Wada) ha chiesto che la Federazione russa di atletica venga bandita dopo diffusi reati di doping e fallimenti sistematici . Il rapporto della commissione, pubblicato il Lunedi, "ha identificato fallimenti sistemici all'interno della IAAF russa" che impediscono o diminuire la possibilità di un programma anti - doping efficace. Tale divieto, se adottato dalla Federazione internazionale impedirebbe agli atleti russi partecipare a tutti gli eventi organizzati dalla Iaaf stessa, dal Comitato Olimpido, compresi campionati mondiali ed europei .

La risposta della Russia - La Russia non ci sta e passa al contrattacco contro la commissione mondiale anti-doping: "Non avete il diritto il diritto di sospenderci", è la prima risposta del ministro dello sport, Vitaly Mutko alla Wada, che aveva chiesto alla Iaaf, la federazione internazionale Atletica, di estromettere Mosca da tutte le competizioni e di squalificare a vita cinque atleti e altrettanti allenatori per un presunto uso sistematico di prodotti proibiti.

L'agenzia antidoping mondiale non ha mai contattato la nuova amministrazione della Federazione russa di atletica (Araf) mentre stava indagando sul presunto abuso di sostanze dopanti da parte di atleti russi. Lo ha spiegato alla Tass il presidente ad interim dell'Araf, Vadim Zelicionok. "La Wada non ha mai lavorato con la nuova dirigenza dell'Araf - ha spiegato - e la federazione non ha mai ricevuto alcun documento che provi la sistematica distribuzione di sostanze dopanti nell'atletica nazionale".