È morto Marvin Hagler: la leggenda dei pesi medi della boxe aveva 66 anni

pugilato

Uno dei più grandi campioni nella storia del pugilato è morto improvvisamente a 66 anni. Mancino molto tecnico e potente, nel 1980 strappò il titolo mondiale al britannico Alan Minter, restando poi imbattuto fino al 1987. In 15 stagioni solo tre volte ne uscì sconfitto, tra l'altro sempre con un verdetto controverso. Al suo nome aggiunse all'anagrafe l'appellativo di "Meraviglioso" per il suo stile elegante sul ring

Addio Marvin Hagler. La boxe perde uno dei suoi campioni leggendari. Uno dei più grandi pesi medi della storia. È morto improvvisamente questa notte nel New Hampshire, come ha fatto sapere la moglie con un post sui social, senza dare ulteriori notizie sulle cause del decesso. Aveva 66 anni.

La carriera

Il ricordo

Quella volta al Forum di Assago, a bordo ring con Marvin Hagler

Hagler fece una lunghissima gavetta. Arrivò a disputare il titolo mondiale dopo 7 anni di pugilato professionistico e ben 50 match. Ma quando salì sul trono vi restò imbattuto per sette lunghissimi anni, dal 1980 al 1987, con 12 difese del titolo. In quindici stagioni sul ring solo tre volte ne uscì sconfitto, ed ogni volta era stato un verdetto controverso. La sua carriera finì il 6 aprile 1987 al termine del match contro Ray Sugar Leonard, che i giudici diedero ai punti al rivale, ma con verdetto non unanime. Hagler se la prese tantissimo, non accettò mai quel risultato ritenendolo pilotato. E prese la decisione irrevocabile del ritiro. Rifiutò ricche proposte economiche per una rivincita con Leonard e si dedicò a fare il commentatore televisivo.

Il soprannome "Meraviglioso"

Mancino molto tecnico e potente, Marvin amava la battaglia e il suo volto pieno di cicatrici raccontava di una storia molto vissuta sul ring e piena di passione. Voleva essere chiamato "meraviglioso", perciò aggiunse all'anagrafe al suo nome Marvin anche quello di "Marvelous", appunto "meraviglioso". Hagler infatti picchiava che era una meraviglia, potente e anche elegante. Preparava i suoi incontri con grande cura, meticoloso, aveva una concezione della boxe quasi religiosa, e quando si sentì tradito e derubato del titolo, lasciò il ring e non volle più saperne. Nemmeno borse molto allettanti riuscirono a farlo recedere dalla sua decisione.

I match più famosi

Sulla sua strada sono passati molti dei più grandi pesi medi della sua epoca, come Roberto Duran, 'mani di pietra', l'unico dei grandi che finì in piedi la sua sfida. E poi ancora Thomas Hearns, John Mugabi, Domingo Roldan: Hagler non si è mai tirato indietro, mandandoli tutti al tappeto. Resta nella memoria il match contro l'italiano Vito Antuofermo, era il 30 novembre del 1979: Hagler mancò l'assalto al titolo mondiale in una sfida memorabile in 15 riprese a Las Vegas, finita in parità. L'azzurro era il detentore del titolo e quindi lo conservò, ma finì il combattimento in una condizione terrificante, una maschera di sangue sul volto, gli ci vollero ben 70 punti di sutura. Al siriano Mustafa Hamsho andò meglio, appena 55 punti. Il titolo invece Marvelous se lo prese nel 1980 strappandolo al britannico Alan Minter, 'occhi di ghiaccio'. Nel 1982 difese il titolo contro Fulgencio Obelmeijas al Teatro Ariston di Sanremo. Venne spesso in Italia, per un po' visse anche a Milano, sua moglie era napoletana.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport