Caricamento in corso...
10 agosto 2017

Mondiali Atletica, delusione Trost. 200 metri uomini, sorpresa Guliyev

print-icon
ale

Brutta serata per Alessia Trost, niente finale nel salto in alto (Getty)

Il 27enne turco strappa a Van Niekerk la possibile doppietta 200-400 metri andandosi a prendere l'oro nella gara più attesa della serata di Londra. Niente finale per l'azzurra nel salto in alto: tre errori a 1.92 per lei

In una serata non bella per i colori azzurri, ai Mondiali di atletica di Londra spunta la sorpresa Ramil Guliyev. Con un colpo di reni nel finale, lo sprinter 27enne turco è riuscito a strappare al sudafricano Van Niekerk il sogno di raggiungere una storica doppietta 200-400 metri eguagliando Michael Johnson. Guliyev lo ha battuto per 2 centesimi (20:09 contro 20:11) raggiungendo una medaglia d’oro difficile da pronosticare. Sesto posto per Isaac Makwala, lo sprinter del Botswana capace di raggiungere la semifinale (e poi la finale ndr) correndo da solo mercoledì la sua batteria, dopo essere stato riammesso dalla Iaaf, al termine della quarantena per un virus gastrointestinale che l’aveva messo fuorigioco nei 400.

 

Delusione Alessia Trost

Come dicevamo, brutta serata per gli azzurri. La delusione più grande per la nostra Nazionale, Alessia Trost, è stata costretta ad abbandonare il mondiale dopo aver saltato 1.89 solo al terzo tentativo, e aver commesso tre errori a 1.92. Per entrare nelle 12, sarebbe bastato superare quella soglia. Una finale mancata, anche per via di un momento difficile. "Mi aspettavo di tornare in pedana per la finale. L’instabilità tecnica si è sentita tutta – ha spiegato al termine della gara -. Ho avuto delle difficoltà nella gestione della gara. Ho problemi a riproporre sempre lo stesso salto e nella dinamica di rincorsa. Gareggiare in questo modo non è bello e decoroso ma sappiamo dove andare a lavorare". Fuori anche l’altra azzurra Erika Furlani, che ha saltato 1.80 al secondo tentativo, sbagliando tre volte a 1.85.

Santiusti out negli 800

Niente da fare anche per l’italo-cubana Yusneysi Santiusti nella batterie degli 800m. Settimo posto per lei, arrivata al traguardo con un tempo alto (2:02.75): due secondi sopra al suo stagionale. Tanta delusione a fine gara per lei.

400 metri a ostacoli donne

Dominio statunitense nelle altre finali della serata. La medaglia d’oro nella 400 a ostacoli è andata all’americana meno favorita: Kori Carter. Con un gran finale e un buon 53:08, la 25enne californiana è riuscita, a superare nel rettilineo d’arrivo la connazionale Dalilah Muhammad. Medaglia di bronzo alla giamaicana Ristananna Tracey (53:74).

Salto triplo, dominio Usa

Doppietta americana anche nel salto triplo uomini. Medaglia d’oro a Christian Taylor (17,68), che ha superato il connazionale Will Claye (17.63). Medaglia di bronzo al portoghese Nelson Evora (17.19).