Mondiali scherma 2018: troppa Corea per l'Italia, è argento nella sciabola maschile

Scherma
scherma

Ai Mondiali di scherma di Wuxi l’Italia è d’argento nella sciabola maschile a squadre: troppo forte la Corea del Sud, vincente per 45-39. Per gli azzurri Samele, Curatoli, Berrè e Montano è la conferma di un gruppo della sciabola ben solido: da tre edizioni non scende dal podio mondiale. L’Italia è prima nel medagliere con 5 medaglie

FOCONI, UN ORO ALLA CARBONARA

IL MONDO DI ALICE VOLPI È TUTTO D'ORO

MARA NAVARRIA, ATLETA E MAMMA DALLA LUCIDA FOLLIA

Niente da fare: troppo forte la Corea del Sud che vince 45-39. Una vittoria attesa, visto che la squadra coreana era strafavorita, presentandosi in pedana da campione del Mondo in carica e già vincitrice di 4 gare di Coppa del Mondo su un totale di 5. Per l’Italia – rappresentata dal quartetto formato da Samele, Curatoli, Berrè e il capitano Montano, che non è salito in pedana – è comunque un grande medaglia d’argento, nonché una conferma mondiale dopo il bronzo dell’anno scorso (nel 2015 Italia sciabola a squadre vinse invece l’oro, portando quindi a tre le edizioni consecutive sempre a podio a livello mondiale).

Il medagliere dei mondiali di scherma 2018: Italia in testa

Con questa medaglia salgono a cinque quelle conquistate dagli azzurri, dopo gli ori di Mara Navarria, di Alice Volpi e di Alessio Foconi e il bronzo di Arianna Errigo. In questo modo gli azzurri si confermano davanti a tutti grazie al maggior numero di ori conquistati (3) contro quelli della Corea del Sud (2, con un argento e due bronzi). Domani c’è la possibilità di aumentare il bottino: scenderanno in pedana sia il fioretto femminile a squadre che la spada maschile a squadre, argento alle Olimpiadi di Rio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche