Dorothea Wierer e Dominik Windisch, festa ad Anterselva per i campioni del biathlon

Sci

Festa ad Anterselva in Alto Adige per i signori del biathlon azzurro: Dorothea Wierer e Dominik Windisch. Arrivati in carrozza sono stati celebrati dai loro concittadini e dalle autorità. La vincitrice della Coppa del Mondo guarda al futuro" Sarà difficile, il livello è altissimo, ma io sono una che non si accontenta"

DOROTHEA WIERER NELLA STORIA, LA COPPA DEL MONDO È SUA

DOMINIK WINDISCH, ORO NELLA MASS START MASCHILE

Hanno percorso le vie di Anterselva in carrozza, la regina e il re del biathlon italiano e non solo. Dorothea Wierer e Dominik Windisch sono stati festeggiati dai loro concittadini del piccolo paese dell'Alto Adige al ritorno da Oslo. Dopo il giro in carrozza, i saluti delle autorità e la festa sul palco. Poi i due campioni hanno risposto alle domande di Sky Sport

Dorothea Wierer: "Il livello è altissimo"

Dorothea Wierer è entrata nella storia dello sport italiano: è la prima atleta azzurra a vincere un Coppa del Mondo nel biathlon, specialità storicamente dominata da altri paesi. Tanta la stanchezza ma anche la felicità della campionessa: "Sono felicissima, ho fatto un passo in avanti sugli sci, purtroppo al tiro soprattutto nell'ultimo periodo non era facilissimo, ma quando hai così tanta pressione addosso non è facile gestire tutto. Sono contenta della costanza e sono felice perché quest'anno, a differenza delle passate stagioni, non mi sono mai ammalata". Poi uno sguardo al futuro: "Spero di rimanere a questo livello, ma so che è difficile perché il livello generale è altissimo. L'Olimpiade? Per ora penso alla prossima stagione, poi si vedrà, perché io non mi accontento di un decimo posto, sono una che vuole vincere quando gareggia".

Dominik Windisch: "Combinazione tra fortuna e lavoro"

Festeggiato anche Dominik Windisch, trionfatore ai Mondiali di Ostersund nella Mass Start maschile: "È stata una combinazione di fortuna e di lavoro. Quando ho saputo che ero primo le ginocchia hanno cominciato a tremare. Non sapevo quanto avevo di vantaggio e allora ho tirato al massimo". Windisch ha poi ricordato di quando da giovane i risultati non arrivavano: "Quando ero ragazzino arrivavo sempre ultimo, la prima volta che sono arrivato penultimo ero felicissimo. Lì ho capito che bisogna soffrire e lottare per ottenere risultati"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche