Serie A, dal 2018 impianti da almeno 5000 posti

Basket

Stefano Olivari

Taliercio

Il Consiglio Federale ha stabilito la capienza minima per partecipare al massimo campionato, a partire dal 2018-19. Uno stimolo a rinnovare i palazzetti italiani, più che una necessità imposta dal numero di spettatori

Dal 2018 non potrà giocare nella serie A della nostra pallacanestro chi non avrà disposizione un impianto con almeno 5.000 spettatori di capienza. È questa la decisione più importante presa durante il Consiglio Federale di Roseto degli Abruzzi, oltre ad essere quella che creerà più polemiche.

MEZZA SERIE A IN PERICOLO

Va precisato che si parla della stagione 2018-19, non della prossima, ma considerando i tempi della burocrazia italiana anche soltanto per apportare migliorie ad impianti esistenti possiamo già dire che mezza serie A attuale è in zona pericolo. In regola, per l’impianto attuale o perché in città ce n’è uno con la capienza giusta, sono in 7: Milano, Torino, Pesaro, Caserta, Varese, Avellino e Sassari. Consideriamo in regola anche Cantù, che di fatto da anni gioca molte partite di cartello al PalaDesio: che poi a Cantù, in un posto che alla squadra dovrebbe erigere un monumento, non si riesca a rifare lo storico Pianella è un altro discorso. Qualcosa si muove a Brescia per un nuovo palazzo e a Reggio Emilia per un adeguamento del tendone del PalaBigi, ma per il resto (anche a Venezia, dove fra l’altro il presidente della Reyer, Brugnaro, è anche sindaco della città) la situazione non è in generale buona e già adesso potremmo scommettere su deroghe e cose del genere.

LA NECESSITÁ DI CAPO D'ORLANDO

Due però sono le vere domande. La prima: alzare la capienza può essere utile a portare più spettatori? Non andiamo alla preistoria: nel girone di andata la media spettatori in serie A è stata di 3.791 a partita. Si va dai 7.932 di Milano ai 1.865 di Capo d’Orlando, ma l’aspetto da tenere in considerazione è che soltanto 4 squadre (Sassari, Pesaro, Reggio Emilia e Cantù) sono state sopra i 4.000, Reggio e Cantù fra l’altro grazie ad alcune partite giocate a Bologna e a Desio. Insomma, dal punto di vista dell’affluenza di pubblico non ci sarebbe tutta questa necessità dei 5.000 spettatori di capienza, anche se lo spirito dell’idea di Petrucci è più che altro quello di far rinnovare gli impianti.

PIAZZE STORICHE

La seconda domanda è la più insidiosa: in questi nuovi o seminuovi palazzetti chi ci giocherà? L’idea dell’allargamento della A a 18 o 24 squadre non sembra andare nelle direzione della qualità, al di là della demagogia sulle cosiddette ‘piazze storiche’. Se si vuole fare una serie A basata sul bacino di utenza allora le due bolognesi, Roma, Siena, Treviso, Trieste, eccetera, dovrebbero stare in serie A e Capo d’Orlando no, ma all’ultima rilevazione il sistema sportivo italiano risulta ancora basato sul diritto sportivo. Senza dimenticare che quasi tutte le piazze storiche sono finite in A2, o peggio, per fallimenti e motivi finanziari, non per retrocessioni sul campo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche