Mondiali U19, Italia d'argento. Trionfa il Canada

Basket
L'Italia ha conquistato l'argento ai Mondiali Under 19 (Foto Twitter @Italbasket)
italia_3_canada_fip

La squadra di Capobianco ha ceduto 79-60 al Canada nella finale giocata a Il Cairo. Decisiva la superiorità fisica dei nordamericani, guidati dai 18 punti e 12 rimbalzi di uno straordinario Barrett. Per l'Italia uno storico secondo posto, miglior risultato da 26 anni

L'Italia ha conquistato la medaglia d'argento ai Mondiali Under 19 di basket. Fatale la sconfitta in finale per 79-60 a Il Cairo contro un Canada devastante. Non a caso, i nordamericani avevano battuto i superfavoriti USA in semifinale. Niente da fare per la squadra di Capobianco, che ha dovuto fare i conti con una pessima prestazione offensiva, che l'ha vista tirare con il 29% dal campo e il 52% dalla lunetta. Gli azzurri sono andati sotto nel punteggio già alla fine del primo periodo (24-10), non riuscendo mai a rientrare nel match anche a causa di una netta inferiorità fisica, sfociata in un clamoroso 71-46 nel computo dei rimbalzi totali. Per l'Italia non sono bastati i 14 punti e 10 rimbalzi di Okeke e i 12 di Oxilia (inserito nel quintetto ideale della manifestazione insieme all'altro azzurro Bucarelli) e Penna: l'impresa dell'argento pareggia il miglior risultato ottenuto dall'U19 nel 1991 ad Edmonton. Tra le file dei canadesi, al loro primo trionfo ai Mondiali, da segnare il nome di RJ Barrett (18 punti, 12 rimbalzi e 4 assist), MVP del torneo, che ad appena 17 anni è destinato a un luminoso futuro da All-Star NBA. 

1° quarto

Le squadre sentono eccome la tensione, le mani sono freddissime a inizio match. Il primo canestro della partita lo segna Penna in penetrazione mancina, con gli azzurri che tengono botta in difesa, costringendo il Canada a restare all'asciutto per 2'30''. La fisicità dei nordamericani si fa sentire e con un paio di giocate da Bamba e Kigab, il Canada vola 10-2 dopo 5'. Barrett ricomincia da dove aveva finito con gli Usa (38 punti) e con 5 punti in un amen, apre il primo divario importante del match (+10), con Capobianco costretto a chiamare time-out per interrompere l'emorragia difensiva azzurra. Con talento e rimbalzi offensivi (5 a metà del primo periodo), il Canada vola via 18-4 al 7', con l'Italia che deve fare i conti con un pessimo 2/11 dal campo. La due triple azzurra di Penna e Visconti danno la scossa in attacco, ma i canadesi sono davvero devastanti sotto i tabelloni (18-8 il conto a fine quarto): al 10' il punteggio è 24-10 per i nordamericani. 

2° quarto

Le due squadre si mettono a zona, in una partita a scacchi tattica fra i due coach. L'Italia trova le chiavi con la pazienza e rosicchia qualcosa con Oxilia (6 punti a metà periodo) e Caruso, ma le percentuali pessime dal campo (6/21 al 13') ricacciano gli azzurri a -13. Barrett, classe 2000 e sotto categoria di due anni, va in doppia cifra dopo appena 15' di gioco (10 punti all'intervallo), dimostrando perché secondo Espn sarà la probabile prima scelta al Draft NBA del 2019. Le giocate del figlio di Rowan, insieme alla schiacciata di Oduro e alla tripla di Djuricic, mandano l'Italia all'inferno sul 41-20 del 16'. Il Canada comincia anche a prenderci dalla lunga (4/10 al 17') e per la squadra di Capobianco è notte fonda, anche perché gli americani hanno talento da vendere nella metà campo offensiva, segnando anche tiri presi senza ritmo. La grinta di Buccarelli e un paio di canestri di Okeke (10 punti e 6 rimbalzi al 20') permettono però agli azzurri di rosicchiare qualcosa agli avversari e di andare all'intervallo sotto 51-36, con la tripla da metà campo di Penna che esce beffardamente sulla sirena. 

3° quarto

Nella ripresa il Canada fa ancora una volta la voce grossa nel pitturato: il pick and roll tra Barrett (15 punti al 30') e Bamba fa un danno dietro l'altro, gli azzurri sparacchiano da fuori (3/16) e il divario aumenta fino al 64-40 del 25', costringendo Capobianco all'ennesimo time-out motivazionale. Gli americani giocano in scioltezza, mentre all'Italia non entra davvero nulla: l'impietoso 30% dal campo al 27' è lo specchio delle difficoltà offensive di Okeke e compagni, che riescono a segnare solo dalla lunetta. La squadra di Roy Rana vola in transizione e contropiede trascinata da atleti di prim'ordine come Wigginton, Kigab e Darling, gente che non sfigurerebbe tra i professionisti, chiudendo all'ultimo mini intervallo avanti 69-48. 

4° quarto

Il Canada molla un po' gli ormeggi, ma anche a mezzo servizio i ragazzi di coach Rana sono devastanti in ogni parte del campo, restando a distanza di sicurezza (76-52 al 25'). L'Italia gioca la carta dell'orgoglio per limitare i danni, con coach Capobianco che svuota la panchina e concede minuti importanti anche ai giocatori meno impiegati in questo Mondiale come Massone e Simioni. Penna (12 punti alla fine) si mette in proprio e si conferma tra i pochi a salvarsi in questa finale maledetta, che vede il Canada conquistare il primo oro iridato della sua storia con il netto successo per 79-60. Per gli azzurri l'amaro in bocca di una finale persa senza aver mai dato l'impressione di poter vincere, ma soprattutto la grande soddisfazione di aver pareggiato il miglior risultato della nostra pallacanestro a livello di Under 19, che fino a ieri era l'argento di Edmonton 1991. Una squadra che aveva sul parquet campioni come Fucka, De Pol, Frosini e Abbio, che avrebbero fatto in seguito la storia del basket azzurro. 

 

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche