L'Italia cade contro la Serbia, la Georgia sorprende la Grecia

Basket

Gli Azzurri di Ettore Messina cominciano con una sconfitta l'ultimo impegno prima di Eurobasket: la Serbia di Sasha Djordjevic vince 73-65 grazie ai 21 punti e 8 rimbalzi di Boban Marjanovic. Non bastano i 20 punti di un ottimo Marco Belinelli, buone indicazioni dall'atteggiamento e dall'applicazione difensiva. In serata la Grecia viene sorpresa dalla Georgia, prossima avversaria degli azzurri a Eurobasket

Dopo le ultime due sconfitte nel torneo di Tolosa e a meno di dieci giorni dall’esordio all’EuroBasket 2017, la Nazionale di basket maschile coglie un'altra partita persa - ma le indicazioni per Ettore Messina sono ben più positive rispetto allo scorso weekend. Contro la Serbia finisce 73 a 65, complice un eccellente Boban Marjanovic, assoluto dominatore della partita con 21 punti e 8 rimbalzi ma soprattutto 9 falli subiti. A nulla sono bastati i 20 punti di Marco Belinelli, nettamente il migliore degli azzurri nella metà campo offensiva, ma le migliori risposte per coach Ettore Messina sono arrivate dall'atteggiamento e dall'impegno difensivo, del tutto diverso rispetto al torneo di Tolosa. L'Italia si è impegnata tanto in difesa, ha sporcato tantissimi palloni e forzato 14 palle perse agli avversari, ma non ha potuto fare nulla contro lo strapotere di Marjanovic nel pitturato (6/8 in area e 9/12 ai liberi) e la classe di Bogdan Bogdanovic, silente per la maggior parte della partita ma decisivo in apertura di ultimo quarto chiudendo alla fine con 10 punti, terzo miglior marcatore di squadra dietro i 12 di Lulic. Buone risposte per gli Azzurri sono arrivate da Pietro Aradori, secondo miglior realizzatore con 11 punti dopo il "non entrato" della partita con la Francia, mentre Gigi Datome si è fermato a 9 (4/11 al tiro per lui). Interessanti le indicazioni sulle rotazioni, con Ariel Filloy e Paul Biligha a chiudere la partita in campo grazie alla loro energia e abnegazione difensiva, ma mancando di talento offensivo - vero tallone d'Achille di una squadra che anche stasera ha tirato sotto il 40% dal campo (21/53) e il 30% dall'arco (9/31).

Grecia-Georgia 71-72

La vera sorpresa arriva in serata, quando la Georgia batte i padroni di casa nel finale dopo una partita gagliarda. Pur avendo iniziato malissimo, chiudendo il primo quarto sull’8-18 per la Grecia, il rientro dei titolari permette ai georgiani di vincere il secondo 25-19 grazie a 15 dei 23 punti dell’ex canturino Giorgi Shermadini, portandosi quindi all’intervallo solo sul -4. La Georgia mette clamorosamente la testa avanti all’inizio del terzo quarto, spingendosi fino al +4 e chiudendo la frazione sul +1, ma i greci riprendono il controllo della partita in apertura dell’ultima frazione, riportandosi sul +6 dopo un gioco da tre punti di Papapetrou e poi di nuovo sul +9. Sembra finita, ma l’intensità dei greci cala improvvisamente e la Georgia ne approfitta, riportandosi più volte sul -2 e infine un’incredibile tripla di Tsintsadze (solo la quinta di tutta la partita per gli ospiti) porta avanti i georgiani a 16.8 secondi dalla fine. La rimessa finale orchestrata dalla Grecia porta solo a un brutto tiro di Printzesis che non va a segno: gli ospiti sbancano l’OAKA grazie ai 14 punti con 11 rimbalzi di Toko Shengelia, i 13 dell’eroe Tsintsadze e i 9 di Markoishvili nonostante il 41% al tiro di squadra. Dall’altra parte non bastano i quattro giocatori in doppia cifra (Papanikolaou 15, Printzesis 14, 12 a testa per Sloukas e Calathes) per impedire una sconfitta che sa di beffa, pagando un terrificante 3/25 di squadra dalla lunga distanza. La Georgia affronterà domani la Serbia alle 17:45, mentre in serata sarà il turno di Grecia-Italia – sempre su Sky Sport HD.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche