Datome, panico a Istanbul: a fuoco il grattacielo dove vive

Basket

Ore di paura per il giocatore italiano: a fuoco il grattacielo dove abita nella città turca. Nessuna conseguenza per lui e per tutte le persone presenti al momento nell'edificio. Poi su Instagram: "Le fiamme non si sono sviluppate in un appartamento. Grazie a tutti per il sostegno". Ancora ignote le cause 

Paura per Gigi Datome a causa di un incedio sviluppatosi nel grattacielo dove il giocatore vive a Istanbul, nella zona di Ataşehir. Il palazzo, alto 188 metri e costituito di 52 piani, è stato evacuato dopo che al 13esimo piano sono divampate le fiamme. Al momento sono ancora ignote le cause. Di sicuro il giocatore italiano era presente nel palazzo in quel momento e fortunatamente non ha riportato conseguenze. Lo testimonia anche il post sul proprio account Instagram, dove Datome spiega che l'incendio non si è sviluppato in un appartamento bensì in un altro punto dell'edificio. Gigi, infine, ha ringraziato il sostegno ricevuto nelle ultime ore.

 

Molti vigili del fuoco sono giunti sul posto per spegnere il fuoco e per evitare che si allargasse in tutto l’edificio. Per fortuna nessuno si è fatto male, solo una persona è stata portata in ospedale per intossicazione da fumo, ma non è per niente in pericolo di vita.
Molti vigili del fuoco sono giunti sul posto per spegnere il fuoco e per evitare che si allargasse in tutto l’edificio. Per fortuna nessuno si è fatto male, solo una persona è stata portata in ospedale per intossicazione da fumo, ma non è per niente in pericolo di vita.
Molti vigili del fuoco sono giunti sul posto per spegnere il fuoco e per evitare che si allargasse in tutto l’edificio. Per fortuna nessuno si è fatto male, solo una persona è stata portata in ospedale per intossicazione da fumo, ma non è per niente in pericolo di vita.

Molte squadre di vigili del fuoco sono tempestivamente giunte sul posto. Tutti i presenti nell'edificio sono stati evacuati e tra questi uno solo portato in ospedale per intossicazione da fumo. Non è in pericolo.

I più letti