Basket, Serie A: la Virtus Bologna torna a vincere. Cremona ko 79-78, decisivo l'instant replay

Basket

Claudio Barbieri

aradori-lapresse

Le Vu Nere esultano dopo quattro sconfitte consecutive, battendo al PalaDozza la Vanoli di coach Sacchetti. Decisivi due liberi di Slaughter a 3'' dalla fine e il canestro annullato dagli arbitri con l'aiuto della tecnologia sulla sirena. 12 punti per Ale Gentile, 10 per Aradori

SERIE A, RISULTATI E CLASSIFICA

La Virtus Bologna torna a vincere nell'anticipo di mezzogiorno della nona giornata di Serie A. La squadra di coach Ramagli, reduce da quattro ko consecutivi, di cui due tra le mura amiche, ha battuto 79-78 Cremona. Decisivo l'intervento dell'instant replay, che ha annullato il canestro della possibile vittoria di Landon Milburne. Al PalaDozza ha deciso il match Marcus Slaughter, che a 3'' dalla fine ha conquistato il rimbalzo su un tiro libero sbagliato da Gentile, segnando a sua volta i due liberi del successo, il quarto in questo campionato per le Vu Nere (4-5 il record). Cremona resta invece nei bassifondi della classifica (3-6), al termine di un match in cui ha pagato il 24% da tre e gli appena 6 punti di Johnson-Odom: coach Sacchetti, al rientro dopo la parentesi vincente con la Nazionale, avrà molto da lavorare anche per ritrovare fiducia dopo il terzo ko consecutivo. Inutili per i lombardi i 16 punti con 8 rimbalzi di Sims e i 15 di Martin. Per la Virtus cinque gli uomini in doppia cifra: Slaughter con 14 punti, Lawson con 13, Umeh e Ale Gentile con 12 e Aradori con 10, anche se l'energia è arrivata soprattutto dall'altro Gentile, Stefano, decisivo con la sua difesa nel finale punto a punto. Bologna, che aveva perso al fotofinish le ultime due gare al PalaDozza contro Venezia e Brescia, sarà ospite di Cantù la prossima settimana per tentare di restare nella prima metà della classifica, che significa Final 8 di Coppa Italia

Virtus Segafredo Bologna-Vanoli Cremona 79-78

La Virtus comincia bene in attacco, con Gentile in versione all around, il solito bomber Aradori e due triple di N'Doja, volando 16-7 al 6'. Cremona fatica tremendamente dall'arco (1/8) e non riesce a trovare fluidità nella metà campo offensiva, limitando i danni al primo mini intervallo (23-16). Ramagli pesca dalla panca gli scatenati Umeh e Lawson (14 punti in coppia), che regalano alle Vu Nere il primo vantaggio in doppia cifra  (32-21 al 14'). Bologna si blocca nel finale del secondo periodo, Cremona sfrutta l'occasione nonostante un Johnson-Odom fermo al palo e il 13 % dalla lunga, rientrando in partita prima dell'intervallo sul 40-36. La Vanoli esce forte dagli spogliatoi e comincia a correre, trovando la parità a quota 42 al 23', trascinata da un Martin da 13 punti. La squadra di Sacchetti entra in fiducia con un paio di triple (tra cui il primo canestro di Johnson-Odom) e scappa 48-54 al 27'. Bologna rimette il naso avanti grazie alla grinta di Stefano Gentile e al dominio di Lawson-Slaughter nel pitturato, arrivando al 30' avanti di una lunghezza (57-56). Il momento difficile di Bologna si fa sentire dal punto di vista psicologico a inizio dell'ultimo periodo, con i lombardi che tornano avanti (65-68 al 35'), seppur di misura. Ramagli ributta nella mischia Ale Gentile e Aradori e trova il vantaggio 72-71 al 37' con due liberi di Slaughter. La Virtus sembra averla vinta dopo un parziale di 7-0 che la manda a +5, ma la seconda tripla di Johnson-Odom e un paio di forzature bianconere rimettono tutto in parità a 40" dalla sirena (76-76). Un perfetto Sims (8/8 ai liberi) controsorpassa dalla lunetta 78-76 a 8" dalla fine, Ale Gentile fa 1/2 ma Slaughter prende il rimbalzo, subisce fallo e segna i liberi del 79-78 a 3", con Milburne che vede annullato dall'instant replay il canestro della vittoria sulla sirena. Il PalaDozza esulta, dopo due beffe Bologna ritrova il sorriso. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche