Basket, Serie A: Cremona torna a vincere. Avellino battuta 86-73

Basket

Claudio Barbieri

cremona_lapresse

La squadra di Meo Sacchetti esulta dopo tre ko consecutivi e batte la Scandone grazie ai 20 punti del solito Johnson-Odom e ai 15 dell'esordiente Simone Fontecchio, arrivato pochi giorni fa dall'Olimpia Milano. Inutili per Avellino i 14 punti del capocannoniere Rich

BASKET, SERIE A: RISULTATI E CLASSIFICA
CREMONA-AVELLINO: IL TABELLINO

Cremona batte Avellino 86-73 nell'anticipo di mezzogiorno della decima giornata di Serie A. La squadra di Meo Sacchetti interrompe così una striscia negativa di tre sconfitte consecutive, centra la quarta vittoria in campionato e si lascia alle spalle il gruppone in classifica a quota 6 punti. Giornata da dimenticare invece per la Scandone, che ha pagato la pessima percentuale dalla lunga distanza (9/31) e la prestazione piuttosto anonima di Rich, capocannoniere del torneo con 19 punti di media, fermato dalla difesa di casa a 14 punti con 5/13 dal campo. La Vanoli sorride anche per il positivo esordio di Simone Fontecchio: l'ala azzurra, arrivata in settimana in prestito dall'Olimpia Milano dove aveva giocato appena 30', ha chiuso con 15 punti (5/10 dal campo) in 22' e con alcune giocate che fanno ben sperare per il resto della stagione. Come sempre la differenza l'ha scavata il solito Johnson-Odom, che nel terzo periodo ha spezzato in due il match con 11 punti che hanno prodotto il break decisivo, chiudendo con 20 punti, quattro triple e 7 rimbalzi a referto. Bene anche Sims (10 punti e 8 rimbalzi), Martin (12 + 9) e Ricci (11 con 3/6 dalla lunga). Avellino, che era reduce da tre vittorie di fila (di cui due contro le rivali più accreditate per la lotta scudetto, ovvero Milano e Venezia), non approfitta così del primo stop di Brescia e resta a quota 14 in classifica, al pari della Reyer.  

Vanoli Cremona-Sidigas Avellino 86-73

Sacchetti comincia senza Johnson Odom tra i primi cinque, ma la Vanoli non ne risente e al 5' è in parità a quota 9. L'americano esce dalla panchina come il neo acquisto Fontecchio: i due hanno uno straordinario impatto (12 punti dalla panca cremonese) e portano i padroni di casa avanti 21-19 a fine primo quarto. Le due squadre giocano spesso dietro l'arco (33 tentativi nei primi 20'), con Zerini che tiene in vita la Scandone e Trevis Diener e Johnson-Odom che regalano a Cremona il massimo vantaggio sul 36-30 al 16'. Filloy è l'unico dei biancoverdi a vedere con continuità il canestro (6 punti), ma dall'altra parte è indemoniato Fontecchio (10 punti e due triple a bersaglio), che dopo aver regalato il +9 a Cremona permette ai suoi di chiudere avanti 48-40 al 20'. Cremona tocca la doppia cifra di vantaggio sul +12 (57-45 al 25'), incrementando il gap grazie anche alla serata storta da oltre l'arco di uno specialista come Leunen (sarà 2/9, nonostante il 48% in stagione) e alla terza tripla del match di uno scatenato Fontecchio. Rich prova tenere sulle spalle l'attacco avellinese, ma dall'altra parte si scalda il suo alter ego Johnson-Odom, che con 11 punti di fila porta Cremona a +20, arrivando all'ultimo mini intervallo sul rassicurante 70-51. Scrubb e Leunen tengono viva la fiammella della speranza per coach Sacripanti (82-67 al 37'), ma i lombardi non rischiano mai la clamorosa rimonta: sulla sirena il punteggio dice 86-73 per i padroni di casa, con il PalaRadi che può finalmente tornare ad esultare. E con un Fontecchio così, le Final 8 di Coppa Italia non sono solo un bel sogno...

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche