Basket, 11^ giornata: Brescia batte Venezia e allunga, a Milano il derby con Cantù

Basket
brescia

La capolista vince lo scontro diretto contro la Reyer e conserva 4 punti di vantaggio sulle seconde, Avellino e Milano, che hanno vinto le loro gare contro Pesaro in trasferta e contro Cantù in casa. Torino cade a Bologna contro la Virtus

LA CLASSIFICA DI SERIE A

VIRTUS-TORINO: IL TABELLINO

MILANO-CANTU': IL TABELLINO

PESARO-AVELLINO: IL TABELLINO

TRENTO-CREMONA: IL TABELLINO

BRESCIA-VENEZIA: IL TABELLINO

Nell’undicesima giornata, ultima fatica prima di Natale, la capolista Brescia si fa il regalo più bello vincendo per 90-71 lo scontro diretto contro Venezia. Parte forte la Reyer che nel primo quarto trova con Oerlik il 19-25. Rientra nel secondo Brescia grazie alle invenzioni di Bushati e all’intervallo c’è un solo punto di differenza. Nella ripresa la capolista trova il vantaggio con Luca Vitali ad innescare Hunt ma Venezia resiste prima con Orelik e poi con Johnson per il 61 pari del terzo quarto. Nell’ultimo periodo a decidere per Brescia è Moore che segna 17 punti nel parziale di 29-10 del quarto per mantenere 4 punti di vantaggio sulle inseguitrici.

Torino cade

Inseguitrici che, oltre a Venezia, perdono un’altra protagonista: è Torino sconfitta da Bologna 84-76 con la Virtus che piazza il parziale decisivo di 18-6 negli ultimi minuti. Protagonisti assoluti gli italiani di Ramagli perché Torino, che entra nella volata finale  con 4 punti di vantaggio firmati da Patterson, subisce poi il rientro di Bologna: sono i fratelli Gentile a chiudere il gap con un 4-0, Torino ha l’ultimo sussulto ma poi ancora Alessandro Gentile con 2 liberi, Stefano Gentile con una tripla e Aradori con il suo jumper chiudono la partita mettendo assieme 41 degli 84 finali della Virtus.

Avanti i secondi

A tenere il passo invece sono Milano e Avellino: l’Olimpia, impegnata nel derby lombardo con Cantù, si impone 93-77 vincendo tutti e quattro i periodi, ritrovando il suo leader offensivo, Goudelock, autore di 23 punti al rientro dopo l’infortunio e mettendo 5 giocatori in doppia cifra tra i quali Abass, autore di 13 punti, non bastano ai brianzoli i 20 punti di Thomas e i 16 con 9 rimbalzi di Burns.  Avellino invece deve soffrire fino alla fine per avere ragione di Pesaro: dopo un inizio travolgente, 8-29 alla prima sirena, con Rich a fare il bello e cattivo tempo, Avellino subisce il ritorno dei padroni di casa condotti da un Ceron in doppia cifra. Arriva addirittura un paio di volte a -1 Pesaro con Mika e Moore a fare paura alla Sidigas ma nella volata finale Avellino trova in Scrubb l’uomo del destino che segna gli ultimi 5 punti della squadra di Sacripanti per il 78-83 finale, unica vittoria esterna della giornata.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche