Basket, addio a Henry Williams. Vinse lo scudetto a Treviso

Basket
williams_twitter

Il basket piange l'ex cestista statunitense, morto a 47 anni dopo aver combattuto a lungo contro dei problemi ai reni. Ex di Verona, Treviso, Roma e Napoli, con la Benetton nel 1997 vinse Scudetto, Supercoppa e Coppa Saporta, diventando uno dei più grandi in Italia

Ad appena 47 anni è scomparso uno dei protagonisti del basket italiano, il cestista statunitense Henry Williams: a stroncarlo è stata un'insufficienza renale con cui lottava da tempo (dal 2014 era costretto ad effettuare periodici cicli di dialisi). Soprannominato 'Hi Fly' per le qualità strettamente atetiche e 'Il Predicatore di Indianapolis' per il fortissimo credo religioso, guardia mancina di piccola taglia ma con esaltanti doti offensive, Williams arrivò in Italia nel 1992. Per tre anni giocò a Verona, trascinando la squadra dalla A2 alla semifinale scudetto, ma il meglio arrivò nella seconda tappa italiana della sua carriera. Nel 1995 passò alla Benetton Treviso: venne eletto mvp nella regular season 1996-97, e soprattutto vinse Scudetto e Supercoppa nel 1997, oltre alla Coppa Saporta nel 1999. A questo seguì il trasferimento alla Virtus Roma, poi nel 2001 il ritorno a Verona e infine, nel 2002, Napoli, che segnò l'epilogo della propria carriera. Il bilancio complessivo? 318 partite giocate e quasi 7000 punti segnati che lo resero grande. Archiviata la carriera sul parquet tornò a Charlotte, nel North Carolina, per diventare un predicatore battista.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche