Playoff Serie A, Milano e Brescia volano in semifinale. Cantù e Varese eliminate

Basket

Pietro Colnago

olimpiamilano

Milano e Brescia vincono anche gara 3 dei quarti dei playoff e si qualificano per la semifinale, dove si sfideranno in un altro derby lombardo. Eliminate Cantù e Varese, che non riescono a sfruttare il fattore campo per allungare la serie

Inferno o paradiso, non ci sono vie di mezzo, questa è la gara 3 di una serie playoff a 5 partite per le squadre sotto 2-0. L’inferno, sportivo, è quello di Cantù e Varese, che devono lasciare i playoff dopo aver chiuso le rispettive serie perdendo anche gara3. I brianzoli perdono 65-74 con Milano in una partita di rara intensità e diversa da quelle giocate al Forum: Goudelock apre le ostilità, Thomas gli risponde e il primo quarto si chiude con l’Olimpia a +1 grazie al canestro di Gudaitis. La spallata milanese arriva nel secondo con un 12-1 di parziale firmato da Gudaitis e Bertans e quando poi anche Goudelock ritrova ritmo e canestri i milanesi scappano a +19. Cantù però questa volta non si sfalda, difronte ai propri tifosi aumenta l’aggressività, con la coppia Thomas-Culpepper riprende contatto ma l’Olimpia ha sempre un giocatore nuovo a fare il protagonista: nello specifico è Bertans che segna 8 punti in fila mandando le squadre all’ultimo riposo con 10 punti di differenza. Ci prova ancora Cantù, lo fa con Cournooh e Culpepper, riapre tutto fino al -4 ma la firma sulla serata la mette Goudelock: sono sue le ultime due triple che eliminano Cantù e mandano Milano direttamente alle semifinali. Ci vuole un supplementare a Brescia per eliminare Varese 64-69: la Leonessa scatena subito il suo leader Landry che firma l’allungo del primo quarto. Varese non si lascia intimorire: con un Avramovic ancora una volta stellare confeziona un parziale di 11-0 che vale il sorpasso e poi, con l’aiuto di tambone e Cain vola addirittura a +19. Ma come nelle sfide precedenti, è il quarto periodo che fa male ai varesini: Brescia scova dalla panchina Cotton e Moore che la rimettono a contatto e poi è Ortner  ad operare il sorpasso sul 58-60 quando mancano solo 7 decimi di secondo. Sufficienti per Cain per mettere dentro la palla del 60 pari e del supplementare. Nel quale l’uomo del destino è Michele Vitali: la sua tripla vale il +4, il 3-0 nella serie e la prima volta di Brescia in una semifinale playoff. 

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche