Final Eight Coppa Italia 2019, risultati semifinali: Cremona e Brindisi in finale

Basket

Claudio Barbieri

brindis_lapresse

La squadra di Sacchetti conquista una storica finale battendo la Virtus Bologna 102-91 grazie ai 26 punti di Diener. Domenica la Vanoli si giocherà la Coppa Italia con un'altra esordiente a questi livelli, Brindisi, che ha sconfitto Sassari 87-86

MILANO KO, IN SEMIFINALE VIRTUS E CREMONA

LE IMPRESE DI SASSARI E BRINDISI

Sarà una finale inedita e sorprendente, almeno da pronosticare alla vigilia, quella della Coppa Italia 2019, che vedrà opposte Cremona e Brindisi. La squadra di coach Meo Sacchetti ha battuto nella prima semifinale della Final Eight di Firenze per 102-91 la Virtus Bologna, trascinata dai 26 punti di Diener e dai 19 a testa di Crawford e Mathiang. Domenica i lombardi si giocheranno la prima Coppa della loro storia contro un'altra debuttante a questi livelli, la Happy Casa, che ha sconfitto 87-86 la Dinamo Sassari di coach Gianmarco Pozzecco. 

Vanoli Cremona - Virtus Segafredo Bologna 102-91

La Virtus vive sull'onda dell'entusiasmo e cavalca un ispirato M'baye nelle primissime battute, ma Cremona è chirurgica in avvio e trascinata da 6 punti di Diener, vola sul 17-9 a metà del primo periodo, costringendo Sacripanti a interrompere il match. Grazie alle seconde linee, Kravic su tutti (8 punti e 4 rimbalzi in 4'), Bologna piazza un controparziale di 7-0 che la riporta in partita, chiudendo sotto di una sola lunghezza al 10' (21-20). Aradori si mette in proprio all'inizio del secondo periodo e con 8 punti in un amen ribalta la partita (26-31 al 13'), ma dall'altra parte è Crawford a non sbagliare praticamente mai (14 punti), riportando avanti la Vanoli (46-40 al 17') grazie a un controbreak di 10-0. Cremona, trascinata da Mathiang (14 punti e 19 di valutazione) e Diener (6/7 da tre, 9/13 di squadra), vola anche sul +16, chiudendo un quarto da 38 punti segnati avanti 59-44. Punter non riesce a mettersi in partita (1/4) e le Vu Nere ne risentono in attacco, restando indietro a metà del terzo periodo (66-52). Bologna cavalca così Aradori e Taylor per riportare in singola cifra lo svantaggio (66-60 al 17'). Cremona ritrova un po' di fluidità in attacco, riuscendo a respingere l'assalto virtussino, con gli uomini di Sacripanti che comunque riescono a dimezzare lo svantaggio all'ultimo mini riposo (75-68 al 30'). Passata l'ondata bolognese, la squadra di Sacchetti riesce e ricomporsi aggrappandosi ai soliti noti e a un Ricci che con due triple apre un altro solco (87-75 al 35'). La Virtus trova finalmente qualche soluzione anche da Punter, che guida un parziale di 8-0 che riapre improvvisamente la partita negli ultimi 120'' (92-85). Cremona però non trema e chiude i conti dalla lunetta sforando quota 100 (102-91) e conquistando la prima finale di Coppa Italia della sua storia. 

Cremona: Diener 26 punti, Mathiang e Crawford 19, Saunders 15
Bologna: Aradori 26, Punter 19, Taylor 14

Banco di Sardegna Sassari - Happy Casa Brindisi 86-87

Stanchezza e tensione non sembrano condizionare le due squadre, sul parquet a 24 ore dalle rispettive battaglie nei quarti: si gioca bene e si segna tanto (15 pari al 5'), grazie a percentuali altissime dal campo. Moraschini, Chappell e Brawn sono implacabili (26 punti in tre), ma Sassari non molla e con i rimbalzi offensivi (4) resta a contatto alla fine di un primo periodo da punteggio NBA (28-32 al 10'). Coach Vitucci trova buone risposte anche dalle seconde linee, capaci di mantenere il vantaggio (39-42 al 15'), nonostante le percentuali delle due squadre calino per la legge dei grandi numeri. Sassari distribuisce bene le responsabilità offensive, ma viene punita dalla trance agonistica di Chappell, che segna 7 punti di fila per il massimo vantaggio Happy Casa (41-51 al 18'), che arriva all'intervallo lungo sopra di 8 lunghezze (46-54). I pugliesi tornano sul parquet nella ripresa decisi a chiudere la pratica e proseguendo il bombardamento da dietro l'arco (8/16) volano al massimo vantaggio sul +16 a metà del terzo periodo (50-66). Quando si sveglia anche Banks sono guai per la squadra di Pozzecco, che può solo limitare i danni (4/20 dal campo nel quarto), come dimostra il 60-74 del 30'. Sassari però, come già visto nella strepitosa rimonta con Venezia, non muore mai e con un parziale di 9-2 rientra in partita (69-76 al 34'): questa volta alla Dinamo non riesce per un soffio il secondo miracolo consecutivo e cede 86-87, con Brindisi che festeggia la sua prima finale di Coppa Italia della sua storia. 

Sassari: Carter 18 punti, Pierre e Smith 16
Brindisi: Brown 20, Chappell e Moraschini 18

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.