Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
02 settembre 2019

Italia-Angola, Belinelli quinto all-time per punti in azzurro: "Spero di vincere qualcosa"

print-icon

I 17 punti del numero 3 dell'Italia, oltre a essere decisivi nel comodo successo contro l'Angola, hanno permesso al giocatore dei San Antonio Spurs di scalare un altro gradino della classifica dei realizzatori in maglia azzurra - superato Bariviera al quinto posto: "Avrei preferito conquistare qualcosa in questi anni, gioco sempre con amore per questa maglia"

Segui tutto il mondiale di basket in Cina in esclusiva sui canali Sky Sport

L'ITALIA TRAVOLGE L'ANGOLA: CENTRATO IL PREOLIMPICO

ALESSANDRO GENTILE: RISSA E TESTATA DA PAULO. FOTO E VIDEO

SACCHETTI: "OBIETTIVO MINIMO RAGGIUNTO, ORA LA SERBIA"

2209, anche grazie ai 17 messi a segno nel comodo successo contro l’Angola. Marco Belinelli continua così a scalare posizione in maglia azzurra, diventando sempre più uno dei giocatori di riferimento nella storia dell’ItalBasket. Davanti a lui restano adesso Pierluigi Marzorati, Renato Villalta, Dino Meneghin e Antonello Riva, ma per il giocatore dei San Antonio Spurs l’obiettivo resta un altro: “Avrei preferito vincere qualcosa prima in nazionale, o adesso magari. Sono comunque soddisfazioni che mi riempiono di gioia: cerco sempre di essere aggressivo e quando scendo in campo porto l’amore per questo sport e la voglia di vincere”.

Belinelli: "Brutto 2° tempo, non dobbiamo abbassare la guardia"

Una vittoria rotonda quella conquistata contro l'Angola, convincente, ma che non deve portare l’ItalBasket ad abbassare la guardia. Parola di Belinelli: “Siamo stati bravi come contro le Filippine a partire bene nel primo quarto, a giocare una seconda frazione molto positiva. Detto questo, non abbiamo fatto bene nel secondo tempo e questo non ce lo possiamo permettere. Anche durante il torneo pre-mondiali si è visto: abbiamo combattuto e perso con Francia e Serbia, mentre contro la Nuova Zelanda siamo stati pessimi nonostante fosse l’avversario più abbordabile. Non ci possiamo assolutamente permettere di sottovalutare le squadre. Dobbiamo dare sempre 40 minuti di energia, positività e aggressività. Ovviamente riuscire a mettere in fila delle vittorie resta un risultato importante”. Indicazioni in vista di un impegno ben più complicato, quello tra 48 ore contro Nikola Jokic e compagni: “La partita con la Serbia è quella che tutti aspettano. È la squadra più forte, inutile nasconderlo. Non abbiamo paura, in campo dobbiamo mettere tanto coraggio”.

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi