Basket, Serie A: è Brindisi la sorpresa del campionato

Basket

Pietro Colnago

brindisi ok

Seconda da sola a soli 2 punti da Milano, Brindisi ha cambiato volto ma ha mantenuto sempre il suo condottiero: Frank Vitucci, l’uomo che ha costruito questa squadra

Dando un’occhiata alla classifica e scoprire che, subito dietro alla Milano ancora imbattuta c’è Brindisi, qualcuno potrebbe pensare a una sorpresa. Qualcuno, non certo Frank Vitucci, il coach dell’Happy Casa che, negli anni, ha sempre dimostrato di poter far rendere i suoi giocatori, vincendo scommesse anche rischiose: non c’è più Adrian Banks , l’anno scorso leader assoluto nonché il miglior realizzatore del campionato? Nessun problema. A fare da prima punta, per usare un termine calcistico, è arrivato D’Angelo Harrison, magari meno istrione del suo predecessore ma egualmente redditizio, secondo nella classifica marcatori con quasi 20 punti a partita, sempre in doppia cifra sul tabellino e secondo nei falli subiti, segnale inequivocabile della sua aggressività offensiva.

 

Accanto a lui compagi di personalità e di grande altruismo: il lavoro sotto i tabelloni di Derek Willis, quasi 10 rimbalzi a partita, secondo nella classifica di specialità, consente a Brindisi di giocare molti più palloni mentre la concretezza di Darius Thompson, uno che tira poco ma quando lo fa spesso segna, è un problema in più per le difese avversarie. Senza dimenticare poi gli italiani: Gaspardo e Zanelli, che da cast di supporto possono trasformarsi nel corso di una partita in protagonisti come lo hanno già fatto in qualche occasione. Ma forse il merito di tutto ciò spetta a lui: Frank Vitucci, esperto assoluto nel vincere scommesse rischiose.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche