Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
03 agosto 2019

Messi, arriva la squalifica per le accuse di corruzione alla Conmebol: 3 mesi di stop

print-icon

L'attaccante dell'Argentina aveva accusato il comitato organizzatore della Copa America 2019 di favorire il Brasile e non si era presentato alla cerimonia di premiazione per la conquista del terzo posto: salterà tre partite amichevoli. Per lui anche 50mila dollari di multa

MESSI E LA PRIMA SQUALIFICA PER L'ESPULSIONE CONTRO IL CILE

LA FURIA CONTRO L'ARBITRO DOPO LA SCONFITTA COL BRASILE

AI PIEDI DI MESSI: LE NUOVE SCARPE DEL 10

Tre mesi di squalifica e 50mila dollari di multa. Tanto è costato a Lionel Messi lo sfogo contro la Conmebol, Federazione che gestisce e organizza la Copa America, e il mancato ritiro della medaglia al termine della finale per il terzo posto vinta dall'Argentina contro il Cile. Durante quella partita, infatti, il numero 10 dell'argentina era stato espulso al 37' del primo tempo dopo un accenno di rissa con Gary Medel, espulsione arrivata a seguito di parole molto pesanti della Pulga dopo la sconfitta in semifinale contro il Brasile. A stabilire la sanzione è stato il comitato disciplinare della Conmebol, che aveva aperto un'inchiesta sul conto di Messi.

Messi, 3 mesi di stop in nazionale: salta Cile, Messico e Germania

La sera della finalina Messi si era rifiutato di partecipare alla cerimonia di premiazione e non aveva ritirato quindi la medaglia per il terzo posto. Una scelta legata sì alla direzione arbitrale di Argentina-Cile ("Bastava un giallo ed era tutto a posto" aveva spiegato la stella del Barcellona sulla sua espulsione) ma soprattutto agli episodi che avevano caratterizzato qualche giorno prima la semifinale persa dalla Selección contro il Brasile, con due rigori negati dall'arbitro ecuadoregno Zambrano all'Argentina. "Tutti hanno visto quello che è successo, ovviamente ho pagato le dichiarazioni di qualche giorno fa, è evidente - aveva aggiunto Messi -. Non dobbiamo essere parte di questa corruzione. Mi sembra che purtroppo sia stato tutto deciso a tavolino". A poco meno di un mese da quel 6 luglio, l'organo di controllo del calcio sudamericano (che all'epoca aveva definito i toni del giocatore del Barcellona "inaccettabili e totalmente infondati") ha deciso di fermare Messi per un periodo limitato, che lo terrà ai box con la maglia della sua nazionale fino al 3 novembre: Leo salterà quindi le amichevoli contro il Cile del 5 settembre, il Messico il 10 settembre e la Germania il 9 ottobre. Messi di fatto non potrà indossare la maglia dell'Argentina nemmeno nella prima partita delle qualificazioni per i Mondiali 2022, in calendario a marzo 2020. Come stabilito dalla Conmebol lo scorso 24 luglio, il fuoriclasse dell'Albiceleste e del Barcellona dovrà infatti scontare anche un turno di stop nella prima partita valida per l'accesso a Qatar 2022 proprio per l'espulsione contro il Cile.

La foto a Ibiza dopo l'annuncio della squalifica

A Messi, comunque, la notizia della squalifica non ha fatto perdere il relax. Pochi minuti dopo l'annuncio dei tre mesi di sospensione, infatti, la moglie Antonela ha condiviso una foto su Instagram di una tavolata a Ibiza pronta per la cena.

Visualizza questo post su Instagram

@amanteibiza 🥂🥂

Un post condiviso da Antonela Roccuzzo (@antonelaroccuzzo) in data:

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi